Green Movie Fest 2017: un festival per valorizzare un “territorio magico”

Luciano Costantini

La Tuscia a far da splendido corollario a Tuscania dove, dal 25 agosto al 1 settembre, si svolgerà il “Green Movie Fest 2017 – Festival audiovisivo cinematografico dell’En Plein Air”. Una settimana di incontri con gli autori che negli anni hanno contribuito con le loro opere d’arte a rendere più affascinante una terra che fu degli etruschi, dei romani, dei longobardi. Una galoppata attraverso i secoli che non si è ancora conclusa, accompagnata da film, libri, mostre di pittura, che vogliono costituire la testimonianza non soltanto di un radioso passato, ma pure di un presente che continua a pulsare e di un futuro che offre grandi potenzialità di arricchimento culturale. Se è vero che la manifestazione, ispirata dalla figura del grande cineasta Augusto Genina, ospita anche lavori di intellettuali moderni come Luca Verdone, Italo Moscati, Alfredo Baldi, Fausto Ferrara. Moscati, in particolare, presenterà (28 agosto) il suo ultimo libro su Ettore Scola cui seguirà una proiezione “1.200 km di bellezza”, racconto di Roma e del Lazio com’era e com’è. Simona Tartaglia, la moglie del regista Giorgio Capitani, da poco scomparso, ricorderà (26 agosto) anni, aneddoti, lavori e personaggi che hanno dato vita al lavoro del regista. Paolo Bianchini, racconterà (25 agosto) S. Francesco “Il giorno, la notte, poi l’alba”. Ancora, “I luoghi del cinema”, una carrellata dei film che hanno visto Tuscania come set principale: dall’”Armata Brancaleone” di Mario Monicelli a “La strada” di Federico Fellini, a “Uccellacci e Uccellini” di Pier Paolo Pasolini. Il tema dell’ambiente sarà affrontato attraverso un appuntamento cinematografico in chiave argentina con la rassegna prodotta dalla Finca Cinema di Buenos Aires. Non poteva mancare un suggestivo programma di escursioni guidate “12 itinerari nelle meraviglie della Tuscia” (info 3334912669). Un cartellone nutritissimo presentato in conferenza stampa dal direttore artistico, Patrizia Sileoni, presso il foyer del teatro Rivellino. Presenti l’assessore al Comune di Tuscania, Franco Ciccioli e il responsabile dell’assessorato alla Cultura della Regione Lazio, Pierluigi Regoli. Tutti entusiasti naturalmente e determinati. “E’ un festival che deve andare avanti, nell’interesse di Tuscania, della Tuscia e della cultura in generale”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI