Medioera/Alessio Jacona: nel web sì, ma pensando a chi siamo

jacona

Giovedì 9 Aprile, alle ore 17:40, Medioera ha ospitato Alessio Jacona,  giornalista che si occupa di web 2.0, social networking e new media, e collaboratore freelance di Wired, La Repubblica e L’Espresso. “Umanità Aumentata- Connessi, interattivi, digitali. Qualcosa è cambiato. Noi”: è statao il titolo del suo intervento.

Quello del digitale, è un mondo che coinvolge tutti; non solo i giovani Born digital (ovvero nati nell’era del digitale), ma anche tutti coloro che hanno vissuto il passaggio dall’analogico al digitale, per approdare tra le grinfie di Internet e del Web. Era solo il 1991, quando viene costituito il World Wide Web; una data piuttosto recente. Ma la sua portata innovativa, ha avuto un successo enorme in poco tempo, tanto che oggi possiamo considerarci tutti “intrigati” nella grande ragnatela del Web.

Umanità Aumentata significa “Umanità che sfrutta nuovi strumenti per relazionarsi, per comunicare, per agire..strumenti tecnologici che sono diventati delle vere e proprie protesi dell’Uomo – secondo le parole di Jacona – La tecnologia ci segue, è nelle nostre tasche, nelle nostre borse..la tecnologia ci guida, parla per noi, ci consiglia ristoranti..chissà che non arriverà anche a farci mangiare o a vestirci”. Ma quanto siamo realmente consapevoli dell’uso che facciamo di queste tecnologie?

La tecnologia è progresso, e il progresso è opera dell’uomo; ma l’Umanità non deve essere sostituito le proprie capacità e la propria intelligenza, con la tecnologia. Non dobbiamo diventare parassiti di essa. Il concetto base da tenere a mente, è che dobbiamo continuare a “fare vecchie cose..con nuovi strumenti”; ovvero riadattarsi.

Ancor più importante, è sapere utilizzare questi nuovi mezzi nella maniera opportuna; quasi tutti ormai abbiamo un’account Facebook, tutti guardiamo o carichiamo video su Youtube, molti di noi almeno una volta al giorno postamo foto su Instagram e tanti altri con soli 140 caratteri caricano pensieri e idee su Twitter. Si, ora siamo noi che attraverso Blog, Social Network e tanto altro creiamo il flusso di comunicazione e ne diventiamo agenti. Non siamo più solo utenti passivi come con la televisione; ora siamo tutti immersi in un mondo interattivo, che ci fa da palcoscenico. Su esso ci mostriamo in qualche modo; ma spesso mostriamo anche i nostri lati peggiori.

Il consiglio dello stesso Jacona: “prima di parlare o scrivere su questa enorme rete elettronica, pensiamo . Non dimentichiamoci mai da dove veniamo e dove stiamo andando”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI