La Viterbese trafigge in extremis l’Olbia e guadagna posizioni in classifica

Olbia (3-5-2): Ricci, Quaranta, Dametto, Pisano (dall’88° Ogunseye), Cotali, Pinna, Benedicic (dal 57° Murgia), Muroni, Feola, Capello (dal 72° Senesi), Kouko. In panchina: Van Der Want, Deiana, Iotti, Bilea, Geroni, Tetteh, Murgia, Ogunseye, Senesi. Allenatore: Simone Tiribocchi.

Viterbese (3-4-3): Iannarilli, Pacciardi, Falcone, Jallow, Neglia (dal 76° Paolelli), Miceli, Pandolfi, Cardore, Varutti, Doninelli, Celiento. In panchina: Pini, D’Antonio, Cruciani, Tortolano, Micheli, Paolelli, Chiani, Battista, Sandomenico. Allenatore: Rosolino Puccica.

Arbitro: Fabio Natilla di Molfetta.

Reti: 25° Neglia (V), 65° Kouko (O), 85° Celiento (V).

Nella trentaduesima giornata di Lega Pro (girone A), la Viterbese è planata in Sardegna, dove allo stadio Bruno Nespoli ha affrontato l’Olbia, conquistando per 1-2 una vittoria preziosa per la classifica.
La partita inizia e le due squadre si studiano con molta attenzione, concedendosi pochissimo margine nella manovra offensiva. Dopo un quarto d’ora di gioco, i gialloblù si fanno più intraprendenti, innescando gli scatti di Jallow, che però viene marcato stretto da Pisano, spesso ai limiti del fallo. Al 16° minuto si fanno strada in avanti i padroni di casa con Pinna, che fa partire un traversone preciso per Kouko in area, ma il suo colpo di testa finisce fuori d’un soffio. Al 25° minuto Celiento dalla tre quarti s’inventa un passaggio millimetrico per Neglia, che aggancia al volo e insacca nell’angolino destro della porta difesa da Ricci la palla dello 0-1. L’Olbia prova a reagire e riesce anche a costruire un paio di discrete azioni in attacco, ma la difesa laziale riesce a controllare senza patemi le incursioni degli avversari. La Viterbese chiude il primo tempo in 10, per un infortunio capitato a Miceli, che dopo un brutto contatto con un difensore è stato costretto ad abbandonare momentaneamente il campo. Il giocatore torna in campo per l’ultimo minuto del primo tempo, che termina con i gialloblù in vantaggio, grazie a una splendida conclusione di Samuele Neglia, che con la fascia da capitano firma la sua undicesima rete stagionale.
Alla ripresa l’Olbia cerca di cambiare registro, ma in attacco non riesce a trovare il guizzo giusto per sorprendere Pacciardi e soci. E allora sono gli ospiti a prendere in mano le redini dell’incontro, puntando al raddoppio, prima con una conclusione di Doninelli al 51° minuto, parata da Ricci con sicurezza e poi con una botta da lontano di Cardore al 55° minuto, deviata in calcio d’angolo da un difensore. Al 63° minuto, dagli sviluppi di un calcio di punizione, Kouko da partire un tiro insidioso dai 7 metri e Iannarilli in tuffo respinge, poi l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Due minuti più tardi però, l’attaccante della Costa d’Avorio non sbaglia e, lanciato in contropiede batte Iannarilli, pareggiando i conti sull’1-1. Al 70° minuto, dagli sviluppi di un corner la compagine sarda sfiora il vantaggio con Pinna, ma la palla si stampa sull’incrocio dei pali. La Viterbese sembra soffrire parecchio, ma all’85° minuto Celiento intercetta in area una palla vagante e trasforma la rete dell’1-2. La formazione sarda attacca a testa bassa verso la porta di Iannarilli, ma la Viterbese esce vincente da una sfida delicata e importantissima in chiave play-off. Infatti, con questi 3 punti il team guidato da mister Puccica lievita a quota 47 in graduatoria e, superando il Como, aggancia il settimo posto. Una buona posizione per pianificare il prossimo round di campionato, in programma martedì 4 aprile allo stadio Enrico Rocchi con la Pistoiese per un altro scontro cruciale in prospettiva post season.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI