Giancarlo Caselli ad Ombre: la legalità conviene sempre

L’agroalimentare rappresenta un terreno privilegiato di investimento della malavita con un pericoloso impatto non solo sul tessuto economico ma anche sulla salute dei cittadini, sull’ambiente e sull’intero territorio nazionale, il grado di penetrazione è scaturito dal quarto rapporto “Agromafie” sui crimini agroalimentari in Italia elaborato da Eurispes, Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare presentato lo corso febbraio.
Gian Carlo Caselli è il Presidente del Comitato Scientifico dell’Osservatorio e si lega a questo il rapporto sancito tra Coldiretti e Agromafie ribadito nell’incontro venerdi 22 luglio a Ombre Festival diviso in due momenti.
Il primo alle 19.00 ha visto Caselli presentare il suo libro “Nient’ altro che la verità” – (edito da Piemme) – moderatori gli avvocati Andrea Gasbarri e Massimo Pistilli , evento realizzato in collaborazione con la Coldiretti di cui erano presenti il Direttore di Viterbo Alberto Frau, Massimo Ferrari di Coldiretti nazionale, Nicola Chiumiento di Epaca e Claudio Calevi della segreteria. Il magistrato torinese con citazioni e aneddoti ha evidenziato come la mafia si sia adeguata ai tempi e rispetto ai fatti eclatanti di ieri usi oggi metodi più silenti infiltrandosi all’interno della società prendendo il controllo dei nuovi apparati economici. E’ incredibile di come questo uomo sfuggito ai vari tentativi di attentati, condizionato da una vita blindata sotto scorta, continui a girare dall’alto al basso il nostro Paese per raccontare i pericoli della mafia, quei pericoli che si rifanno alla corruzione , argomento quest’ultimo messo a fuoco nel secondo incontro che ha visto Giancarlo Caselli dialogare con Felice Romano e lo scrittore greco Petros Markaris,presente anche Giada Trebeschi moderatori gli avvocati Paolo Casini e Marina Bernini. Evento sempre sostenuto da Coldiretti. Anche qui Caselli ha premuto per far arrivare come la corruzione corrompa il sistema economico citando non a caso l’esempio della Grecia di cui Markaris è diretto testimone, di come questo paese sia stato privato delle risorse necessarie a seguito di speculazioni finanziarie.Instancabile Giancarlo Caselli si è concesso sino all’ultimo minuto godendosi il tepore di una serata di piena estate che insieme alle bellezze della città dei Papi ,gli ha consegnato un premio da parte di una Associazione che porta il nome di un servitore dello stato Mariano Romiti che ha pagato con la propria vita la difesa di quella legalità, che così espressa rimane effettivo cemento della convivenza civile e un grande segnale di speranza per il futuro.
[pp_gallery gallery_id=”55026″ width=”300″ height=”195″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI