Avventure in famiglia. Se tutti i prezzi aumentano pure il prete chiede più offerte

di Arnaldo Sassi

Barbara scese dalla sua auto scura in volto. Prese la borsa della spesa ed entrò in casa, dove Antonio stava leggendo il suo solito quotidiano sportivo. L’uomo si accorse subito dell’umore nero della moglie e le chiese: “A Ba’, che c’hai? Perché stai così ‘ncazzata?”.

La donna sbuffò più volte. Mise la sporta sul tavolo e cominciò a svuotarla, Senza rispondere.

“Ahooo!!! – gridò a quel punto Antonio – me voi dì che c’hai?”.

La donna lo guardò con aria sconsolata. “C’ho – disse – che io a fa’ la spesa nun ce vojo annà più…”.

“E perché?” chiese Antonio. “Che t’ad’è successo…”

“M’è successo – riprese Barbara – cha la spesa nun se pò fa’ più. Ad’è aumentato tutto: ‘r pane, la pasta, ‘r burro, lo zucchero, la frutta. Nun se sarva più gnente. Qui de penzioni pe’ magnà ce ne vorrebbero due”.

“Questo ce lo so – commentò il marito – e se poi ce metti puro ‘r caro bollette, qui nun se sa ‘ndove s’andrà a finì…”.

“All’inferno s’andrà a fini!” replicò Barbara. Che poi aggiunse: “Guarda. Guarda qui. Ho comprato mezza robba rispetto a la settimana scorza e ho speso ‘r doppio. Prima o poi toccherà mettese a pane e cicoria…”.

“E sì, perché ‘r pane nun ad’è aumentato…” chiosò Antonio. “Ieri ho sentito a la televisione li fornari. Puro loro nun sanno più quello c’hanno da fa. Perché je stanno a arivà certe bollette de luce e gasse da manicomio. Loro adopreno li forni. E quelli consumeno”.

“Pe’ me – disse Barbara – ce sarebbe da fa’ ‘na cosa sola: annà ‘n chiesa e mettese a pregà…”.

“Ma che sei matta?” intervenne subito Antonio.

Barbara non capì. “E perché? Qui l’unico che ce pò mette mano ad’è Gesù Cristo…”.

Antonio fece un sorrisetto sardonico. “C’hai raggione. Gesù Cristo le mano ce le potrebbe puro mette. Ma ‘n chiesa poi ce so’ li preti…”.

“E che vor dì?” domandò Barbara attonita.

Antonio posò il giornale sul tavolo. Prese lo smartphone e si mise a compulsare sui tasti. Poi fece vedere un video a sua moglie. “Guarda – disse – guarda ‘sto prete. Questo sta a Carinaro, c’ad’è ‘n paese der casertano. Dato che c’era la festa de la patrona Sant’Eufemia, ha detto a li fedeli che staveno a messa che quest’anno avevano da aumentà l’offerte”.

“Ah sì?” commentò Barbara sempre più stupita. “E come je l’ha detto?”.

Antonio sorrise: “A la maniera de li preti. Che a fa’ ste cose so’ tanto bravi. J’ha detto ‘che a chi passa pe’ le nostre strade, vicino a li nostri palazzi, va accorto cor sorriso, co’ le preghiere e certamente cor dono de la generosità’. Poi ha detto puro: ‘Quest’anno ce vole quarche cosina ‘n più. Perché dovunque semo annati quest’anno pe’ li contratti, tutti c’hanno detto che ad’è tutto aumentato’. E ha concluso: ‘Allora, quarche cosetta ‘n più, nun dico quanto, rispetto a tutti l’antri anni, pe’ coprì tutte le spese. Già avete capito, Dio ama chi dona co’ la gioia e co’ tutto ‘r core’. Hai capito?”.

“Eh sì che ho capito” chiosò Barbara. “Però, si tutto ad’è amentato…”.

Antonio si alzò in piedi. “E lo vai a chiede proprio a quelli che magari nun ce la fanno manco a arrivà a la fine der mese? Armeno chiedilo a chi de sordi ce n’ha tanti…”.

“C’hai raggione Antò, nun c’avevo penzato” fu il commento di Barbara. “Però così nun se pò annà più avanti. E’ aumentato tutto e la penzione ad’è sempre quella. Se poi ce se mettono puro li preti…”.

“A Ba’ – concluse Antonio – lo sai che io so’ religgioso. Ma l’unica cosa che posso aumentà so’ le preghiere. Un Paternoster e ‘n’Avemmaria ‘n più li posso puro dì. Ma se annamo a finì su li sordi…”. L’uomo non concluse la frase. Si accese una sigaretta e uscì in giardino a godersi l’ultimo sole di settembre.

Sinossi

“Avventure in città” era uno storico appuntamento quotidiano della Cronaca di Roma del Messaggero del secolo scorso, scritto da Giancarlo Del Re, giornalista del quotidiano romano, ma anche scrittore, umorista, sceneggiatore, paroliere e creatore di serie televisive.

Giancarlo-Del-Re_ 02           sassi

Arnaldo Sassi, che con Del Re ha lavorato durante la sua permanenza romana dal 1979 al 1991, ha voluto riprendere a modo suo questa rubrica per rendere omaggio all’amico e collega e per rinverdire il ricordo di una delle più seguite rassegne giornalistiche pubblicate all’epoca dal Messaggero.

 

La vignetta di Avventure in Famiglia è stata realizzata da Francesca Maurizi di Arte in Bottega.

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI