Premio Mariano Romiti ha vinto Giorgia Lepore

Una piazza del Plebiscito affollata ha fatto da ala alla proclamazione della vincitrice della sesta edizione del Premio Mariano Romiti, Giorgia Lepore con “Angelo che sei il mio custode”. Una storia che è stata definita un magnifico – e terrificante – battito del cuore.
Sono stati premiati il vincitore della seconda edizione del Premio Romiti Opera Prima,Mariano Sabatini con “L’inganno dell’ippocastano” e il vincitore della quarta edizione della sezione Emergenti, Gian Luca Campagna con “Finis Terrae”. Presentazione ineccepibile da parte di Cristina Marra e Alessandro Maurizi.
Cala il sipario su un evento che per la seconda volta ha saputo dimostrare che temi forti come la legalità riescono comunque a catturare l’attenzione di un pubblico consistente e attento e per ricordarne i 25 anni della scomparsa l’edizione odierna di Ombre Festival è stata dedicata ai due magistrati Falcone e Borsellino Falcone.

La vincitrice Giorgia Lepore
Giorgia Lepore vive a Martina Franca. Archeologa, assegnista di ricerca di Archeologia e Storia dell’Arte Paleocristiana e Altomedievale all’Università degli studi di Bari, insegna Storia dell’Arte nelle scuole superiori e Storia dell’arte Medievale presso la facoltà di Beni culturali a Taranto. Con L’abitudine al sangue (Fazi, 2009) è stata finalista al Premio Acqui Storia. Le Edizioni E/O hanno pubblicato I figli sono pezzi di cuore.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI