Bobby Solo in Concerto a Grotte di Castro

Una serata con Bobby Solo e la musica del passato. All’anagrafe Roberto Satti, nasce a Roma il 18 marzo 1945. Il grande exploit lo ebbe, per la prima volta, al Festival di Sanremo del 1964. In coppia con il celebre cantante americano Frankie Laine portò alla ribalta sanremese un pezzo destinato a fare storia: “Una lacrima sul viso”. La carriera di Bobby, sulla spinta di quel clamoroso successo, ebbe quindi un andamento costantemente segnato da altri brani quali: “Quello sbagliato”, di chiara ispirazione elvisiana, poi “Se piangi se ridi” vincitore del Festival 1965 in coppia col celebre gruppo americano The Minstrels, “Non c’e’ piu’ niente da fare”, piccolo gioiello della musica degli anni sessanta, “Zingara”, altra vittoria nel Sanremo 1969 in coppia con Iva Zanicchi.
Negli anni settanta, con il fenomeno musicale dei cantautori anche Bobby Solo, come molti dei suoi colleghi di quel tempo, risentì di questo radicale cambiamento di gusto da parte del pubblico e dell’industria musicale italiana. Nonostante ciò si era ormai ritagliato la sua giusta fetta di pubblico che, al di la delle mode e delle novità del momento, continuò a seguirlo. “Gelosia” (1980), da lui scritta durante un viaggio in Sud America, “Non posso perderti” (1981) e “Tu stai” (1982) sono altri successi che Bobby Solo ha saputo successivamente regalare al pubblico italiano.
Partecipa alla 53ª edizione del Festival di Sanremo proponendo in coppia con Little Tony la canzone “Non si cresce mai”, che riscuote un notevole successo di pubblico e di critica. Da questa esperienza nasce la prima compilation in coppia con Littel Tony, contenente 16 brani, di cui 4 inediti, che ripercorrono la storia della musica italiana, unitamente al singolo dell’estate “Villaggio vacanze”. Nel 2015, in occasione del suo settantesimo compleanno, Bobby Solo presenta il il nuovo album Meravigliosa vita, contenente nove brani inediti. La sera di Ferragosto il suo recital in Piazza Matteotti nel centro della Tuscia in cui infiamma l’Estate Grottana.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI