Tuscia Film Fest, chiusura dell’arena che ha unito il cinema a un’intera città

La regista Paola Randi con la proiezione del suo film “Tito e gli alieni” ha chiuso domenica 15 luglio l’edizione 2018 del Tuscia Film Fest di Mauro Morucci.
Oltre 600 spettatori hanno riempito ogni sera piazza san Lorenzo per le proiezione di “Lazzaro felice, “Ammore e malavita” “La terra dell’abbastanza” “Io sono tempesta”.
Tra le cose più belle di questa edizione custodiamo il duo Nuzzo-Di Biase che ha presentato l’opera prima Vengo Anch’io, un road movie parlando d’inclusione e diversità in modo ironico, il saluto di Alba Rohrwacher al pubblico di piazza San Lorenzo prima della proiezione di “Lazzaro felice” mercoledì 11 luglio. La deliziosa attrice – vincitrice del premio Tuscia Terra di Cinema “Luigi Manganiello” 2018 arriverà a Viterbo il prossimo novembre per il ritiro ed il riconoscimento del premio.
La spontaneità e la bravura di Paola Cortellesi ha contaminato l’arena con il suo film “Come un gatto in tangenziale” presente, insieme al regista Riccardo Milano lo scorso 9 luglio è stato “Tutto esaurito”.
Come non dimenticare la proiezione di Dogman, con Marcello Fonte, Edoardo Pesce e Massimo Gaudioso.
Il Tuscia Film Fest si attesta sempre di più come una manifestazione di livello, anche in questa edizione ha richiamato non sono gli appassionati di cinema, ma ha unito al cinema una intera città.
A sipario chiuso ritroveremo ogni giorno nella passeggiata i luoghi del cinema che raccontano i set scelti da Fellini, De Sica, Sordi, a Viterbo. Una carrellata di stelle che rivive nel cuore della città.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI