Sergio Insogna si dimette da presidente della consulta del volontariato

Sergio Insogna rassegna formalmente le proprie dimissioni da presidente della Consulta del volontariato viterbese, rimettendo il seguente comunicato:

“Fermo restando che ad oggi sono stati costituiti i Tavoli Tematici e sono stati designati 6 Coordinatori, di cui già le ho inviato dati in relazione allegata al rendiconto 2019, che consentono ai medesimi tavoli di poter lavorare ed interloquire tranquillamente con l’amministrazione, in base a specifiche tematiche in ambito dei servizi in campo sociale, sanitario, sicurezza ed ambiente.
Per cui il lavoro della Consulta potra continuare senza ulteriori rallentamenti essendo questi organismi operativi sino al 2021.
Sindaco la ringrazio di avermi dato la possibilità di lavorare con tante belle realtà cittadine e di conoscere meglio il bellissimo e fondamenta[e mondo del volontariato e della solidarietà della nostra città, ma nel momento in cui ci si rende conto di non poter garantire un impegno adeguato e di conseguenza non poter essere utile alla causa dei soggetti a cui deve essere rivolta la tua azione amministrativa è giusto e doveroso tarsi da parte.
Sono convinto di aver fatto il mio dovere in rispetto ai doveri amministrativi derivanti dalla delega, ho la presunzione di pensare di aver adempiuto ai compiti ed agli obiettivi che ci eravamo prefissati, e soprattutto di aver riattivato e migliorato i rapporti amministrativi con le associazioni del mondo del volontariato.
Tra i colleghi consiglieri ci sono persone adeguate, capaci e competenti che possono continuare l’azione amministrativa di tutela e sostegno alle fondamentali e vitali attività di volontariato e di solidarietà delle associazioni comunali, per cui Sindaco non avrà alcun problema a delegare altra persona.
E’ ovvio che il ruolo di consigliere comunale mi consentirà comunque di poter vigilare, proporre e sollecitare l’amministrazione sui temi riguardante il mondo de[ volontariato cittadino e sulle azioni amministrative da intraprendere.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI