Santa Rosa, Sinfonia d’Archi di Angelo Russo torna ai viterbesi

A fine agosto ci aveva detto che il suo sogno era quello di salvare la sua Macchina, Sinfonia d’Archi (1991-1997) e tutte le altre Macchine, ancora in vita per conservarle in spazi espositivi adeguati.
Il sogno di Angelo Russo ideatore di Sinfonia d’Archi si sta avverando .
La Macchina è stata rimessa oggi in piedi grazie alla generosità di alcune ditte viterbesi e di privati che, animati da puro spirito di attaccamento alla tradizione viterbese, hanno offerto gratuitamente la loro disponibilità, il loro tempo prezioso,
Come potete vedere dal servizio fotografico a Sinfonia d’Archi manca soltanto il pezzo finale: la punta sotto Santa Rosa da recuperare nel vecchio stabile al Poggino.
Al momento è visibile presso la Sat System all’esterno della sede in Via Diaz a Viterbo.
Il tocco finale è previsto a fine mese, ed il coinvolgimento sarà totale con la cittadinanza con i facchini e con tutti gli ideatori delle varie Macchine e gli amminsitratori .
Un primo passo che accorcia le distanze verso quel museo delle Macchine pensato come il luogo deputato a custodire la storia della città di Viterbo e della sua Santa..

[pp_gallery gallery_id=”37719″ width=”500″ height=”500″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI