Prefettura, un protocollo per creare un sistema di contrasto all’ illegalità

Luciano Costantini

Tutti insieme contro le mafie. Gli amministratori comunali della Tuscia mercoledì mattina dì 25 luglio firmeranno dinanzi al Prefetto di Viterbo e al presidente della Provincia un protocollo per creare un sistema strutturale di contrasto ai fenomeni di illegalità e penetrazione mafiosa nel ciclo dei contratti pubblici degli enti locali. L’obiettivo è quello di assicurare, nel rispetto del principio della libertà di mercato, la trasparenza nel settore degli appalti attraverso il monitoraggio e la vigilanza. Insomma, una operazione sistematica di prevenzione, controllo e contrasto contro i tentativi di infiltrazione mafiosa e di prevenzione dei fenomeni di corruzione e verifica della sicurezza e della regolarità dei cantieri. Insomma, con la firma del protocollo – si terrà nella sala Coronas della Prefettura – i sindaci si impegneranno a fare argine contro tutte le infiltrazioni mafiose tendenti ad alterare il sistema degli appalti pubblici: dalla loro assegnazione alla correttezza dei lavori. Insomma, un’azione di monitoraggio e intervento sull’intera filiera degli appalti pubblici.
COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI