Pranzo etrusco della chef Vittoria Tassoni per i 10 anni degli “Amici delle tombe dipinte di Tarquinia”

vittoria tassoni

Un pranzo etrusco per festeggiare i 10 anni degli “Amici delle tombe dipinte di Tarquinia”, l’associazione culturale che promuove la valorizzazione e lo studio della necropoli dei Monterozzi. È stato preparato il 2 ottobre dalla chef tarquiniese Vittoria Tassoni, presidente dell’associazione “Il Prezzemolino” e cuoca dell’Alleanza Slow Food, con un menù che ha proposto ai commensali “libum” o pane di Catone il Censore, “roveja” con sedano ed erbe aromatiche, lasagne vegetariane, formaggio con confetture, torta salata con formaggio, cipolle caramellate con uvetta e vino cotto, e “oplontis” un dolce simile alla cassata. “Questi piatti si potevano consumare nel periodo compreso tra la fine dell’egemonia etrusca e l’inizio dell’epoca romana – afferma Vittoria Tassoni -. La differenza più evidente tra le due culture culinarie era l’uso delle spezie, sconosciuto agli etruschi e molto apprezzato nella cucina romana che ha evidentemente recepito e rivisitato gli aromi, gli ingredienti e la tradizione dei paesi sottoposti alla sua dominazione. Ringrazio gli Amici delle tombe dipinte di Tarquinia per avermi coinvolto in questo pranzo speciale, con piatti preparati con prodotti del nostro territorio”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI