L’IC “Ettore Sacconi” di Tarquinia ha ripreso le attività del progetto Erasmus AIM

Dopo il lungo stop forzato per la pandemia, l’IC “Ettore Sacconi” di Tarquinia ha ripreso le iniziative culturali e didattiche che, da anni, caratterizzano l’istituto in collaborazione con scuole italiane ed europee. Tra queste è ripartito il progetto Erasmus Active and Innovative Methodologies (AIM), strettamente connesso alle attività di coding progettate per la Europe Code Week, giunta alla sesta edizione per l’istituto tarquiniese. In questi primi mesi, alcune classi delle medie sono state impegnate in attività complesse utilizzando Geogebra e Google Earth. Altre classi delle elementari hanno invece lavorato alla realizzazione di una mappa interattiva per guidare i turisti, piccoli e grandi, alla scoperta di Tarquinia, con l’obiettivo di condividerla con gli alunni delle scuole dei Paesi partner partecipanti al progetto Erasmus AIM.

Per spostarsi da un punto all’altro di Tarquinia, i bambini hanno creato dei codici con il linguaggio di programmazione visuale che utilizza dei blocchi di controllo, azione e ripetizione. Questo tipo di lavoro ha permesso di migliorare le loro competenze logiche e di problem solving, stimolandone, allo stesso tempo, la creatività. Ogni classe ha reperito le informazioni e le foto, selezionando i contenuti più opportuni per conseguire lo scopo prefissato. Le ricerche sono state svolte anche usando internet. Questo ha permesso di affrontare temi importanti, come la sicurezza in rete e le regole da seguire per navigare sicuri.

Le informazioni raccolte sono state usate per elaborare testi informativi, in italiano e inglese, inseriti nella mappa a corredo dei punti d’interesse da visitare. Ogni classe aveva assegnato un luogo o un monumento che ha descritto sia in forma scritta che grafica, elaborando disegni con tecniche diverse. Il lavorare per un fine comune ha permesso di rafforzare il senso di comunità e di responsabilità nel fare bene il proprio lavoro. I bambini erano consapevoli che il loro prodotto sarebbe stato parte di un unico elaborato e avrebbe rappresentato l’IC “Ettore Sacconi” e Tarquinia in Europa. Con l’aiuto delle insegnanti più esperte, i materiali sono stati assemblati utilizzando l’applicazione Thinkling (https://www.thinglink.com/scene/1509202392048992258), per rendere la mappa fruibile a tutti, anche per i bambini che ancora non sanno leggere, grazie a contenuti audio. La mappa turistica di Tarquinia è stata presentata a Malta all’inizio di novembre, nel corso di uno scambio culturale tra gli istituti scolastici coinvolti nel progetto Erasmus AIM, e arriverà nei prossimi mesi tra i banchi delle scuole di Spagna, Turchia e Inghilterra.

IC “Ettore Sacconi” di Tarquinia

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI