“Letti di notte” in libreria, al Gorilla e l’Alligatore

Giovedì 21 giugno torna Letti di notte (www.lettidinotte.com). Spegni la luce, accendi la notte. In libreria, in biblioteca, nei circoli culturali…
Da sette anni un appuntamento fisso per chi ama leggere e vuole festeggiare insieme l’inizio dell’estate. Una notte unica che celebra la forza della libreria come luogo di incontro, scoperta, aggregazione, divertimento.

La libreria il Gorilla e l’Alligatore partecipa con una serata speciale dal titolo Vedi alla voce…Exòrma, dedicata principalmente all’editore indipendente Exòrma e con l’aggiunta di qualche piccola chicca per gli amanti della lettura.
Si comincia con un apericena (su prenotazione) alle 19:30. Alle 20:30 Marita Bartolazzi racconta La donna che pensava di essere triste.
In una città senza tempo e senza nome, la donna che pensava di essere triste cerca chi possa cucirle la coperta di tristezza di cui ha bisogno. Una piccola folla di personaggi, non si sa se reali o immaginari, si rivela più prodiga di consigli che di aiuto: animali parlanti, sarti collezionisti, figli che abitano in un trafficato supermercato dei sogni, un monumento di bronzo annoiato e girovago.
In aggiunta a tutto questo le giornate si popolano di presenze che sembrano avere le sembianze della protagonista. Parti di lei che si sono staccate in un tempo dimenticato continuando a vivere da sole, per conto loro, scelgono quel preciso momento per riapparire. Anche le notti sono ricche di avvenimenti: sogni, visioni, incontri si susseguono. Il racconto si snoda pienamente nella realtà e allo stesso tempo in una leggera, impercettibile, perfetta sfasatura.
Marita Bartolazzi è nata a Roma, dove vive. Ha pubblicato I mercati di Roma (Palombi editore). Lavora da alcuni anni nell’editoria, attualmente collabora con la casa editrice Logart Press e con la rivista «Tutto italiano».
Al termine della presentazione ci sarà la premiazione del Megalettore locale di Italian Book Challenge 2018 e a seguire la “Maratona Exòrma”: I lettori sono invitati a leggere brani tratti dai titoli della casa editrice.
In chiusura, per i lettori nottambuli avremo “Buonano

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI