La Viterbese raggiunge il Messina nel finale (1-1)

di Valentino Cesarini 

Messina, Viterbese, 3^ giornata di serie C di mercoledi 14 settembre. Risultato 1-1

MESSINA: Daga ; Konate  , Trasciani , Ferrini , Angileri ; Fiorani , Marino , Fofana; Iannone  , Curiale, Balde.

A disposizione: Lewandowski, Versienti, Filì, Camilleri, Mallamo, Piazza, Iannone, Nicosia. Allenatore: Auteri.

VITERBESE: Fumagalli; Santoni, Ricci, Monteagudo; Nesta, Semenzato (dal 65′ Polidori), Megelaitis, Andreis ; Mungo ; Volpicelli, Marotta.

A disposizione: Bisogno, Chicarella, Sorrini, Marenco, Mbaye, Manarelli, Simonelli. Allenatore: Filippi.

ARBITRO: Cavaliere di Paola (Spataro-Linari).

MARCATORI: al 35′ Iannone (M), al 86′ Polidori (V)

 

Ci pensa Alessandro Polidori a tre minuti dal termine a salvare la Viterbese sul campo del Messina. Contro i siciliani, nella terza giornata di campionato, i gialloblù di mister Filippi riportano un punto che serve più per il morale che per la classifica. Due punti dopo tre gare, con la prossima sfida contro il Pescara che si preannuncia molto difficile. Servirà una vittoria al Rocchi, che in campionato, manca da moltissimo tempo.
Il primo tempo vede i locali rendersi pericolosi in almeno due circostanze, mentre la risposta dei viterbesi è affidata a Mungo con una conclusione che chiama Daga alla parata. Al minuto 35’ il Messina va in vantaggio: Curiale serve Iannone che beffa Fumagalli sul primo palo. Non esente da colpe l’estremo difensore della Viterbese.
Nella ripresa Filippi prova a cambiare in corsa inserendo diverse pedine alla ricerca del pari, ma di fatto la partita non regala grandi emozioni. Fino al minuto 87’ quando la Viterbese trova il pareggio. Lancio millimetrico di Megelaitis per Polidori, stop perfetto del numero 18 e pallonetto che beffa Daga per il meritato 1-1.
Finisce così. Un punto è meglio di zero, ma serviranno miglioramenti di gioco e attenzione sin dalla prossima gara… Per evitare di soffrire come lo scorso anno.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI