Festa della “Graduazione” per 14 persone al CeIS “S. Crispino”

In occasione della Giornata internazionale contro l’abuso di droga e il traffico di sostanze stupefacenti, indetta dalle Nazioni Unite, il CeIS “San Crispino” di Viterbo organizza sabato 25 giugno la Festa della Graduazione.

L’appuntamento è a partire dalle ore 11 presso la Comunità della Quercia, in strada Acquabianca n. 7, con la Santa Messa celebrata dal vescovo di Viterbo mons. Lino Fumagalli, alla presenza di autorità, famiglie, amici e operatori. Durante la celebrazione eucaristica ci sarà anche l’amministrazione delle Cresime.

Quest’anno sono ben 14 le persone giunte a conclusione del percorso riabilitativo compiuto in Comunità che, così come avvenuto in passato per centinaia e centinaia di giovani e adulti, hanno deciso di uscire dalla droga e adottare uno stile di vita senza dipendenze, apportando un contributo positivo in quella società dove un tempo erano emarginati.

“Celebrare la Graduazione in occasione della Giornata mondiale contro la droga – spiega don Alberto Canuzzi, presidente del CeIS – rappresenta il modo migliore per testimoniare che non solo uscire dalla droga è possibile ma che bisogna compiere ogni sforzo per valorizzare l’importanza della vita anziché rassegnarsi a scelte di morte”.

Il CeIS “San Crispino”, organizzazione di volontariato, da 40 anni è impegnato nel territorio della Tuscia a favore dei giovani in difficoltà, per la prevenzione delle dipendenze patologiche e il recupero di quanti sono caduti nel vortice delle droghe. Nel corso degli anni ha aiutato centinaia di persone ad uscire dal tunnel della disperazione attraverso sportelli di aiuto e servizi residenziali accreditati dalla Regione Lazio, adottando la metodologia del “Progetto Uomo”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI