Avellino-Viterbese: tutti i numeri di questa sfida spinosa per i gialloblù

di Valentino Cesarini

La Viterbese dopo il punto riportato dalla trasferta di Catanzaro, domenica alle 15.00 sarà di scena al Partenio di Avellino per la seconda giornata di ritorno.

I ragazzi di Taurino, che mercoledì nella continuazione della sfida dei restanti 37’ contro l’ex Calabro hanno tenuto botta, rischiando addirittura il colpo grosso nel finale con un colpo di testa di Baschirotto. Intanto in casa gialloblù si pensa anche al mercato, con la società che potrebbe mettere a segno qualche colpo: al Pilastro si allena Cirigliano, giocatore argentino che per la categoria è un lusso, visto il suo passato, ma da Catanzaro le voci danno per partente anche Luca Baldassin, che tornerebbe volentieri nella città dei Papi.

L’Avellino, terzo in classifica con 34 punti e allenato da una vecchia volpe della categoria come Piero Braglia, in casa ha un ruolino abbastanza positivo con 5 vittorie, 3 sconfitte e 2 pareggi, con 18 reti segnate e 12 subite.

Le cinque vittorie sono arrivate contro Bisceglie (4-2), Casertana (3-1), Monopoli (4-0), Vibonese (1-0) e Cavese (1-0), mentre i 2 pareggi contro Turris (2-2) e Juve Stabia (0-0). Le tre sconfitte sono giunte contro Catanzaro (3-1), Ternana (2-1) e Catania (2-1).

I precedenti giocati in terra irpina sono 5, con un bilancio che vede la Viterbese mai vittoriosa contro i lupi, visto che sono arrivati 4 KO e un pareggio.

La prima sfida e l’unico punto riportato dalla Viterbese sul campo dell’Avellino risale alla stagione 1970/1971, quando il 10 gennaio 1971 il match finì senza reti.

Poi bisogna aspettare gli anni 2000 per ritrovare un match fra le due squadre.

Il 14 maggio 2000, la Viterbese crollò 3 a 0 contro l’Avellino a causa della doppietta di Moscelli e al goal di Maddé. Quella Viterbese arrivò fino alla semifinale play-off, dove venne superata dall’Ascoli.

La stagione successiva, era il 10 dicembre 2000, e i locali si imposero per 2 a 1. Vantaggio biancoverde firmato dopo appena 2’ da Mendil, pareggio della Viterbese con Masini, ma proprio in pieno recupero Mascara trovò il goal vittoria. A fine anno la Viterbese si salvò ai play-out superando la Nocerina, mentre l’Avellino si fermò in semifinale play-off.

Nella stagione 2001/2002, il 24 marzo, i padroni di casa si imposero di misura grazie alla rete di Fresta dopo mezzora.

L’ultimo incontro fra le due squadre in terra irpina risale al 12 gennaio 2003, quando bastò un goal di Morfù a regalare i tre punti ai padroni di casa. Al termine di quella stagione, l’Avellino fu promossa in Serie B.

L’arbitro del match sarà il Sig. Andrea Bordin della Sezione di Bassano del Grappa, coadiuvato dal duo Marco Ceolin e Michele Collavo entrambi di Treviso. Quarto ufficiale Gabriele Scatena di Avezzano.

Bordin che non ha precedenti né con la Viterbese né con l’Avellino, in Serie C ha diretto 17 gare, estraendo 91 cartellini gialli, 6 rossi e assegnando 3 calci di rigore.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI