A Cannes premiato «Lazzaro Felice» di Alice Rohrwacher, con scorci di Tuscia

A Cannes ha vinto anche la Tuscia.Alice Rohrwacher con Lazzaro Felice conquista – ex-aequo con Three Faces di Nader Saeivar – la Palma per la miglior sceneggiatura.Lazzaro Felice è stato girato l’estate scorsa tra Bagnoregio e Vetriolo, nel Viterbese, poi in provincia di Terni, oltre che a Torino, Milano e Civitavecchia. Il film di Alice Rohrwacher ha vinto a Cannes il premio alla sceneggiatura e sta ricevendo ottimi consensi da una critica internazionale. « «È una storia di una piccola santità senza miracoli, senza poteri o superpoteri, senza effetti speciali: la santità di stare al mondo ad non pensare male di nessuno, solo credere negli altri esseri umani.-E anche se la mia è una fiaba, io Lazzari così nella realtà li ho incontrati davvero. È una persona concreta, ma anche un simbolo, quello della possibilità di stare al mondo e fidarsi degli uomini. «Elsa Morante diceva che siamo passati dal primo medioevo al secondo medioevo, ho pensato di raccontare questo passaggio ma mentre tutto cambia, in realtà tutto resta com’è».”Sono molto onorata che la giuria abbia voluto legittimare la scrittura di questo film, che forse- dice la regista- era la cosa che era sembrata più fragile. Ma a volte c’è una forza anche nella fragilità”.Sempre molto composta Alice Rohrwacher che con il suo lavoro ha saputo dare un visibilità anche alla Tuscia una terra che vive in prima persona che conosce e ama.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI