25 novembre Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Il 25 novembre non è una data scelta a caso. E’ il ricordo di un brutale  assassinio, quello delle tre sorelle Mirabal avvenuto durante il regime domenicano di Rafael Leonidas Trujillo nel 1960. La Giornata è stata istituita dall’Onu con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999. La matrice della violenza contro le donne è percepibile  ancor oggi nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne. E la stessa Dichiarazione adottata dall’Assemblea Generale Onu parla di violenza contro le donne come di “uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini”.

Una giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, un atto di accusa della società nei confronti di un fenomeno, purtroppo in crescita.
Troppe sono le violenze fisiche, psicologiche, economiche che ancora oggi le donne subiscono.
Conoscere e tenere a mente, non solo il 25 novembre ma tutti i giorni dell’anno, il significato della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne e le sue origini rappresenta un monito contro ogni forma di violenza sul genere femminile e un passo in avanti verso l’eliminazione di ogni forma di sopruso e di violenza.
Durante la chiusura per l’emergenza sanitaria sono triplicati gli omicidi che hanno avuto come vittima una donna, arrivando a un femminicidio ogni due giorni. L’ambito di maggior pericolosità oggi è quello familiare, dove avvengono oltre la metà degli omicidi in Italia.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI