Visita alla Chiesa di S. Maria della Peste con ciceroni gli studenti del Paolo Savi

Il prossimo 7 maggio, in concomitanza con la manifestazione “AmaViterbo”, gli studenti del secondo anno della sezione turistica del “Paolo Savi” insieme all’associazione Promogest, accompagneranno a visitare S. Maria della Peste,una piccola chiesa da tempo sottoposta a lavori di restauro.
La piccola chiesa fu fu eretta come ringraziamento alla Vergine dopo la scomparsa dell’epidemia di peste; divenendo successivamente il monumento ai Caduti, ovvero il Sacrario di Viterbo.
Un luogo simbolico,collocato proprio al centro della città S. Maria della Peste rimane l’unico monumento lasciato intatto e rispettato per la sua sacralità.
Proprio da questi luoghi simbolici il “Paolo Savi” ha voluto iniziare un cammino di formazione di indirizzo scolastico.
Già in altre, precedenti occasioni, l’attenzione dell’Istituto si è rivolta alla valorizzazione di luoghi di grande interesse artistico e simbolico di Viterbo, come le chiese di S. Maria della Salute o la Carbonara, in cui gli stessi studenti hanno svolto attività di studio approfondito e accompagnamento dei visitatori. Luoghi la carichi di simboli e tradizioni irrinunciabili che parlano dell’evoluzione storica e religiosa di una comunità. S. Maria della Salute ne è un esempio, fu costruita per assistere le donne in difficoltà subito dopo il mille, o S. Maria della Peste rappresenta il legame religioso e civile a onore della Vergine salvatrice, e il Sacrario – a ricordo di chi ha dato la vita per la città, mentre la chiesa della Carbonara posta dove i Templari prima e i Cavalieri di Rodi poi presidiavano un’area di difesa della città.
Il significato della scelta dell’Istituto “Paolo Savi” è di riportare all’attenzione totale questi gioielli nascosti, con l’ausilio degli alunni che offriranno la loro conoscenza artistica e storica ai tanti cittadini e turisti acquisendo esperienze professionali adeguate al loro indirizzo .
Appuntamento domenica 7 maggio dalle ore 10.00 alle 19.00 – Piazza del Sacrario a Viterbo.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI