Un giovane balestruccio il 300esimo paziente al CRAS della Riserva Naturale Lago di Vico

Al CRAS – Centro Recipero Animali Selvatici della Riserva il trecentesimo “paziente” dell’anno, un giovane balestruccio (Delichon urbicum) è arrivato il 31 Luglio scorso per essere uscito troppo presto dal nido è stato  ritrovato a terra da un passante.

Posto assieme ad altri quattro esemplari della stessa specie in una struttura apposita, si trova in attesa di raggiungere le giuste dimensioni fisiche per essere rilasciato.

Lo stesso giorno è stata aperta la gabbia in cui erano accudite due giovani martore (Martes martes), Luke e Leila, arrivate al CRAS a metà aprile. Gli animali sono stati trasferiti presso il Parco Regionale di Bracciano Martignano dove trascorreranno un periodo di acclimatazione in un’apposita struttura realizzata dall’area protetta. Dovranno riabituarsi alla vita selvatica: per questo la porta della gabbia sarà aperta ma si continuerà a portar loro cibo tutti i giorni. Gli animali, ormai liberi, ritorneranno per alcuni giorni a mangiare finchè non saranno in grado di cacciare e procurarsi il nutrimento autonomamente.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI