Truffe agli anziani: il decalogo della Questura e una pagina Facebook

Con l’arrivo dell’estate, momento in cui le città sembrano chiudere “per ferie” e le famiglie vanno in vacanza, alcune fasce di popolazione diventano più vulnerabili di altre rispetto ai pericoli conseguenti alle azioni delittuose di alcuni soggetti, che non si fanno scrupolo di approfittarsi della fiducia di queste persone. Facciamo riferimento, nello specifico, al fenomeno delle “truffe agli anziani”, che in questo periodo si ritrovano soli, a volte più del solito, a cercare un modo per far passare la giornata. È qui che entrano in gioco i malintenzionati, persone scaltre e senza scrupoli, che approfittano di questa loro solitudine per raggirarli.
Le truffe agli anziani e i modi per “estorcere” loro soldi sono tanti e a volte molto fantasiosi. La Questura di Viterbo da anni tiene sotto controllo il fenomeno, dando consigli e suggerimenti per non cadere negli inganni e promuovendo campagne sociali, incontrando direttamente le possibili vittime per condividere consigli e buone prassi.
Proprio per questo la Questura di Viterbo, da tempo impegnata per contrastare e prevenire il fenomeno, ha scelto anche la propria pagina Facebook per mettere in guardia i cittadini da alcuni episodi di truffe agli anziani, casi che si accentuano nel periodo estivo, quando è più probabile che gli anziani rimangano a casa da soli.
Proprio sul web, quindi, sono state inserite dagli addetti della Polizia di Stato della Questura di Viterbo le ‘”dieci regole d’oro'” per difendersi dalla truffe .
Questo il link: www.facebook.com/QuesturaViterbo
La pagina sarà attiva 24 ore su 24.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI