Tornano in presenza i concerti dell’Unitus, obbligatoria la prenotazione

La XVI Stagione concertistica 2020-2021 dell’Università degli Studi della Tuscia tornerà sabato 8 maggio. Auditorium di S. Maria in Gradi, ore 17.00, con il pubblico in sala. A esibirsi il coro AnimaDelSuono e il Coro Decanter (sezione femminile) di Roma. Direttore il musicista argentino Eduardo Notrica (nella foto). Al pianoforte, Cristina Berlinzani. La preparazione vocale è di Anita Rufini. Questo concerto e gli altri della stagione, disponibili in “forma raccolta all’interno” della playlist “XVI Stagione Concertistica” nel canale YouTube di Ateneo, potranno essere seguiti gratuitamente in diretta streaming oppure in differita attraverso il seguente link http://tiny.cc/stagione_concertistica.

Per essere ammessi in sala ci si dovrà attenere alle seguenti norme:

1) prenotazione obbligatoria da inviare al signor Francesco Della Rosa per e-mail delrosa@unitus.it o per telefono al numero 348 793 1782
2) compilazione dell’Autodichiarazione Covid19 da parte di ciascun partecipante al concerto.
La dichiarazione dovrà essere trasmessa per email a delrosa@unitus.it o presentata all’ingresso dell’Auditorium al personale incaricato.
Si ricorda infine che la capienza dell’Auditorium, in considerazione dell’attuale situazione sanitaria, è stata ridotta a 100 posti.

Prossimi appuntamenti, che chiuderanno la stagione concertistica di UNITUS, il 15 maggio (Orchestra MuSa classica dell’Università Sapienza di Roma direttore Francesco Vizioli) e il 22 maggio (Amarilli Ensemble).

Sul programma, quanto mai vario e coinvolgente, si riporta una nota dello stesso Direttore Eduardo Notrica:

“Musica inconsueta di grande qualità e interesse, capolavori di profonda raffinatezza e musicalità di tanti compositori nazionali: i balletti di Thomas Morley, i canti folkloristici di György Ligeti, il Vocabolario Greco del ceco PetrEben, musica dell’estone Veljo Tormis e degli americani Morten Lauridsen e AaronCopland.

Musica dell’anima, interpretata da due ensemble vocali affermati nella scena corale romana con decine di concerti nelle sale e chiese più importanti della capitale e provincia. Gruppi vocali che hanno ottenuto riconoscimenti, premi nazionali e internazionali e compiuto un lusinghiero percorso musicale di eccezionalità. I repertori generalmente sono  tematici con programmi concettuali dedicati a tematiche extramusicali (La Notte, Alice in wonderland, Angeli e demoni, Electa, figure femminili nella musica corale), ma anche concerti monografici o dedicati a uno stile musicale (impressionismo francese, musica vocale di Benjamin Britten, Canti di popoli lontani, musica romantica per coro e pianoforte, Suoni dall’Est e tanti altri)”.

Il percorso concertistico dei gruppi potrà essere seguito sul sito spaziocorale.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI