Torna a Caprarola “Di Voci e Di Suoni”

Sembra non fermarsi mai il cammino del Festival Di Voci e di Suoni, la rassegna di musica e teatro popolare più apprezzata del Centro Italia.
Quest’anno, a Caprarola, in scena l’undicesima edizione con tantissime novità e una grafica completamente rinnovata che inaugura il secondo decennio del Festival Di Voci e Di Suoni.
Il programma di quest’anno conferma l’altissima qualità artistica della rassegna, con ben cinque serate fra teatro e musica e strizza l’occhio ai giovani con due date che faranno saltare il pubblico dalla sedia per trascinarlo a ballare sotto al palco al ritmo delle sonorità balcaniche e salentine.
Il Festival si apre sabato 14 luglio alle ore 21.30 in piazza Monsignor Sebastiani con “Canti, ballate e ipocondrie d’ammore”, uno spettacolo che mescola colto e popolare, messo in musica dall’organetto di Alessandro D’Alessandro e dal racconto dolente e appassionato di Canio Loguercio.
Sabato 21 luglio alle ore 21.30, sempre in piazza Monsignor Sebastiani, nel centro storico di Caprarola, si prosegue con il delizioso “A pescar canzoni – viaggio musicale nel Mediterraneo”, una favola per adulti e bambini con Marcella Brancaforte, Caterina Gonfaloni e Fabio Porroni. Un vero e proprio viaggio musicale dalle coste dell’Italia al Medio Oriente per risalire fino ai Balcani sulla scia di Colapesce bambino, con gli strumenti musicali della tradizione popolare e le illustrazioni colorate di Marcella Brancaforte.

Il Festival Di Voci e Di Suoni prosegue poi con uno spettacolo attesissimo che preannuncia già il tutto esaurito! Si tratta del concerto del Canzoniere Grecanico Salentino presso il Piazzale di Santa Teresa venerdì 3 agosto alle ore 21.30.
Fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante, il Canzoniere Grecanico Salentino è il più importante gruppo di musica popolare salentina, il primo ad essersi formato in Puglia. La band è composta dai principali protagonisti dell’attuale scena pugliese, che reinterpretano in chiave moderna le tradizioni della pizzica tarantata: una musica che aveva il potere di curare attraverso la trance le conseguenze del morso della taranta.
Ancora due gli appuntamenti che andranno a chiudere l’edizione 2018 del Festival “Di Voci e Di Suoni”, entrambi al piazzale di Santa Teresa.

Sabato 11 agosto ancora una serata di rara qualità musicale: composizioni originali e musiche tradizionali provenienti dalla cultura balcanica, klezmer, mediorientale, jazz, rock, caraibica, classica si alterneranno sul palco del Festival in occasione del concerto della Nema Problema Orkestar!

Infine, sabato 19 agosto sempre alle 21.30 Mario Pirovano interpreterà “Mistero buffo”, scritto e diretto dal grande Dario Fo. Proprio Dario Fo diceva di Pirovano: “Per anni Mario è stato ad ascoltare le mie esibizioni, ha seguito le lezioni e le dimostrazioni che davo ai giovani attori. Personalmente ho assistito ad una sua esibizione nell’ Università di Firenze, facoltà di lettere. L’ho trovato eccezionale. Soprattutto non mi faceva il verso, non mi imitava. Dimostrava una propria carica del tutto personale, una grinta di fabulatore di grande talento”.

L’ingresso agli spettacoli costa 10€ e, in caso di maltempo, gli eventi si terranno tutti presso il Salone delle Ex Scuderie Farnese.
Il ricavato sarà, come per tutte le edizioni passate, devoluto in beneficenza all’Associazione Amistrada che si occupa dei ragazzi e delle ragazze di strada di Città del Guatemala.
Per ulteriori informazioni gli organizzatori invitano a chiamare i numeri 346 6165131-329 3604044 o a visitare la pagina facebook “Festival Di Voci e Di Suoni” oppure il sito www.compagniapeppinoliuzzi.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI