A Soriano nel Cimino, tornando a passeggiare tra bellezze natura storia e sapori

In questa edizione toccata da una pandemia globale, Soriano nel Cimino la perla dei Monti Cimini ha rinunciato a quella che sarebbe stata  la 53^ edizione della Sagra delle Castagne 2020,il suo vessillo. Ma l’odor delle castagne esalterà negli scorci incantevoli del borgo, i paesaggi mozzafiato, le testimonianze di epoche passate, e i prelibati prodotti tipici  in degustazione nei rinomati ristoranti del luogo sapranno compensare ad una assenza giustificata.

In questi fine settimana di ottobre l’autunno il borgo della Tuscia riserva ancora tante sorprese. Per chi arriva a Soriano si troverà a percorrere  un viaggio fra storia e natura, partendo dalla preistoria fino ai giorni nostri. Ne è l’emblema  il maestoso castello Orsini, un luogo che merita di essere visitato sia perla sua perfetta conservazione, sia perché che dall’alto offre la visione di un panorama  mozzafiato.Per raggiungere il castello si attraverserà il borgo medievale facendo conoscenza  con i Rioni e le antiche storie che custodiscono. Tra vicoli e piazzette si scorgeranno antichissime chiese, caratteristiche fontane, storici palazzi: ogni scorcio diventerà lo sfondo perfetto per immemorabili scatti.

Palazzo Chigi-Albani nella sua imponenza è un colpo d’occhio imprescindibile . All’interno delle Scuderie si trova la Pinacoteca comunale con opere di arte moderna e contemporanea. Se siete appassionati di storia antica, l’innovativo Museo Civico Archeologico dell’Agro Cimino riserva al visitatore  un salto nel passato,dalla protostoria per arrivare fino al Medioevo.

I dintorni sono delle tappe obbligate: numerosi i siti archeologici e le  aree verdi . Non si può rinunciare al percorso Pasoliniano.Nella frazione di Chia  è posta la celebre Torre di Pasolini e, nelle vicinanze, le cascatelle della gola di Fosso Castello dove il regista girò il Vangelo secondo Matteo.Salendo un po’, si arriverà  nella frazione di Sant’Eutizio che oltre allo storico convento dei Padri Passionisti, riserva la visita alle Catacombe di Sant’Eutizio, al Santuario e agli antichi insediamenti rupestri.

Con l’auto si raggiungono le  due suggestive aree archeologico-naturalistiche: il parco archeologico di Corviano e la Faggeta Vetusta. proclamata dall’Unesco “Patrimonio naturale dell’umanità”, passeggiando lungo i sentieri sono visibili massi di trachite, una roccia magmatica effusiva che testimonia l’importante attività vulcanica dell’area circostante.

Soriano nel Cimino è  folclore e tradizioni soprattutto culinarie, di questo periodo è irrinunciabile l’assaggio dei prelibati funghi dei monti Cimini, la cacciagione, le bruschette con l’olio extra-vergine di oliva, la frutta secca e soprattutto  ad onore di palato sua maestà la regina del luogo: la castagna che quest’ anno soffre della rinuncia alla Sagra a lei dedicata, ma un programma ricco di eventi voluto da Comune Pro Loco  all’interno della manifestazione Mirabilia Urbis Suriani offre tanti gli eventi per grandi e bambini. Anche in questo penultimo fine settimana ottobrino.

Info programma: Facebook- Ufficio turistico – Welcome to Soriano

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI