Salute e sicurezza sul lavoro: torna il bando Inail

salute lavoro

Tornano anche nel 2015  i finanziamenti Inail alle spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Con il Bando Isi 2014, l’Inail mette a disposizione 267.427.404 euro di per finanziamenti a fondo perduto. I finanziamenti vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, che potranno essere caricate sul portale INAIL a partire dal 03 marzo 2015. La prima fase di preselezione si concluderà il 12 maggio. Tutte le domande che avranno superato tale fase, parteciperanno all’ormai collaudato Sportello Informatico, cosiddetto “Click Day“, che quest’anno si terrà nel mese di giugno. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura. l contributo, che copre il 65% delle spese sostenute per un massimo di 130.000 euro, è utilizzabile per l’implementazione di modelli organizzativi SGSL per il miglioramento della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (come D.Lgs231/01, Certificazione OHSAS 18001, UNI INAIL, SA 8000, SGSL con Procedure Semplificate) che permettono la reale riduzione del Premio Inail da richiedere con il modello OT24 a fine Febbraio di ogni anno, per progetti di investimento, come per la ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro, acquisto ed installazione e/o sostituzione di macchine nuove e di dispositivi e/o attrezzature Marcate CE; per modifiche del layout produttivo per miglioramento dei tempi e metodi e interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio quali, ad esempio: esposizione ad agenti biologici, sostanze pericolose, agenti chimici, cancerogeni e mutageni (sostituzione tetti in amianto), agenti fisici (rumore, vibrazioni, radiazioni ionizzanti/non ionizzanti, radiazioni ottiche artificiali), macchine per la riduzione del rischio di caduta nei lavori in quota e riduzione rischio movimentazione manuale dei carichi, etc.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI