Piccolo racconto: Visita al Cimitero

di Egidio Storelli

E’ il secondo racconto che ci viene segnalato da un nostro lettore amante delle storie in dialetto, l’autore ci delizia scrivendo in caprolatto aneddoti di vita in paese con quella semplicità affettuosa ed ironica che ne caratterizzano lo stile regalandoci una piacevole lettura.

Come tutte le mattine Checchina e Ninetta, alle nove in punto, hanno appuntamento in Piazza San Marco, per percorrere insieme gli ultimi cinquecento metri che le separano dall’ingresso del cimitero. Vanno a fare visita ai rispettivi defunti mariti Giovanni e Romeo. Sono comari di fatto ma più che altro di lingua.
Stamattina è Ninetta che inizia con le polemiche, ce l’ha con il custode del camposanto:
“Oggi si nun ha ‘ggiustato la lucetta me sente esso, è una settemana che le dicio, guarda che è stenta. Io quanno me mannono la bollettino me sbrigo a illo a pagà”
“Che ce vo’ fa commare Niné, ce vo’ pazienza”
“Dici be’ tu, pazienza un parde cojoni. Te pare giusto che tutti ce l’hanno ‘ccesa e maritomo stenta? Nun è un morto come tutti quell’antri? Si nun l’ha ‘ggiustata me sente oggi”.

Ed eccole arrivate. Hanno varcato il cancello in ferro battuto che tutti i paesani prima o poi dovranno, in piedi o distesi, varcare. I loro sguardi spaziano da destra a sinistra alla ricerca del camposantaro: Ma niente, non si vede.
“Tanto prima a doppo lo ‘cchiappamo, do va pe tetti?”
Infatti, il custode sapendo l’orario d’arrivo delle due, ha preferito darsi latitante: si è andato a nascondere tra una croce e l’altra.
“Va bbe’ commare Nine, ce vedemo quanno emo fatto. Oh, me riccommanno sta’ attente quanno ppiani su la scaletta, nu evi da fa gnente a ille a pijà lo fornetto su l’urtomo piano”.
Ed eccola Checchina di fronte alla tomba del marito, piena di fiori, ben curata. Lui sull’effige ovale con i suoi baffoni e un velato sorrisetto: sembra contento di essere qui. Si guarda la foto, la accarezza amorevolmente ma inizia:
“Giuvà, senti bello, li fiori so un po’ mosci, ma oggi te li tieni, nun li compro che gostono parecchio e tu lo sa quanto ce vogna pe campà. Però sta’ tranquillo che nun te li metto finti come quelli che c’ha messo Ninetta. Ahahah, avisto ché, fanno tanto li granni po’ pe’ risparagnà du bocchi hanno preso lo fornetto su l’urtomo piano”.
E intanto pulisce, cambia l’acqua ai vasetti, sguardo pettegolo a vedere che c’è e chi non c’è, ma continua:
“Te volevo di’ una cosa, te ricordi quante vorte dicevo che Nicolina nun l’emomo da fa sposà co quello imbecille de Luigino? Me l’ha messa contro, nun me vie’ più a trova. Penza che ieri s’è presentata a le nove, s’è sbrigata a damme ‘na polita a casa, ha dato una sporverata, po’ ma fatto un tiolo de pranzo e a mezzadì se n’è ita via dicenno che eva da fa magnà pure lo marito. Che le pozza pialle un gorpo, che ha paura che se le dimagrisce ‘sto scanzafadiche? A capito Giuà che fija che emo generato? Doppo tutti li sagrifici che emo fatto pe ‘falla studià. A ti un te frega un cazzo, te ne si ito e tu mmà lassato ‘mezzo a li guai a commatta co tutti.”
La commare Checchina si è un po calmata: adesso recita un’Ave Maria, un Padre Nostro e un Eterno Riposo. Si sta facendo tardi e Ninetta starà già aspettando, è ora di andare:
“Ciao Giuà, se vedemo dimà si Dio vole. Però un’urtama cosa te la vojo di’: sabboto vonno veni’ a pranzo, ma si nun se lo portono cor cazzo che magnono”.
Ed eccole di nuovo all’uscita di quel cancello in ferro battuto, per la felicità di Giovanni e Romeo, che finalmente fino a domani mattina potranno godere di quel meritato riposo eterno.
Mò ci sono i cinquecento metri da percorrere e diventano una corsa a staffetta 500×100. I primi cento metri sono dedicati alle invettive contro il camposantaro, i secondi alla figlia e al genero di Checchina, i terzi a chi c’era e chi non c’era. Ma il bello viene con gli ultimi duecento metri:
“Commare Checchì, come sarà che so un po’ de dì che Giulietto nun se vede a metta li fiori a la moje, è strano, che se sentarà male?”
“Ma come commare Niné, nun sa gnente? Fregna! Li fij l’hanno messo la badante straniera , e mò gira voce che ce dorme insème”
“Commà, che me dici!!!, Que proprio nu la sapevo, e com’è che m’è sfuggita? Che lle piasse un gorpo a sto vecchio bavoso, mò se fa fregà quelli pochi sordi che evono messo da parte coì quella pora cristiana”.
Piazza San Marco:
” Oh commare checchì, dimà me riccommanno, ‘nformete si ce so novità su Giulietto. Oggi tu me l’ha detta proprio bella, un ce dormaraio stanotte e un vedo l’ora de dillo a tutti lì lo vecinato”
“Si, si commare Ninè, però tu ‘ncò cerca de sapenne de più. Ciao”.

Mattino seguente, ore 8,45. Le comari si vengono incontro a passo svelto:
“Oh oh, commare Checchì, sapessi quante cose ho saputo, un vedevo l’ora che venisse mattina pe’ fattolo sapé: Giuletto sta in guerra co’ li fij, lo vonno fa interdì, hanno paura che quella se le magna tutti li sòrdi”.
“Lo saccio, lo saccio, ma esso dice che li sòrdi soì li sui e ce fa quello che ‘le pare, anzi gira voce che angià l’ha fatto una collana d’oro”.
Sono di nuovo a percorrere i cinquecento metri:
“Commare Ninè, comunque si proprio ce la volemo di’ tutta, Giulietto e stato sempre un porco, l’avarà messo più corna a la moje… un te ne si ‘ccorta che benanche mo che è vecchio sta sempre a guarda li culi a le femmene? Che le pozza pijalle un gorpo, che varà in giro che pare una votta e po’ co quella panza che pare la rota de in camio”
“Commare Checchì, comunque sa che te dico? un po’ fa bbe’ a magnassili tutti li sòrdi, che tanto li fij un vedono l’ora che morimo pe’ fregassili tutti, le pijasse un gorpo pure a loro. Tanto da chi e un po’ ce buttono llì da li vecchioni e che s’è visto s’è visto. Avoja noi a mettili da parte. Armeno tu c’ha una fija femmana e che cosa tu po’ sperà, penza io coì du fij maschi, mamma mia do me bbuttaranno? E’ mejo che un ce penzo”
“Ma statte zitta che le moje de fijti te vienno sempre a trova”.
“Aooohhh, me vienno sempre a trova? Certo si le serve che cosa! Ieri doppo pranzo me s’è presentata la moje de quello più ciuco e m’ha portato la bolletta de lo telefono e m’ha detto:- domani mattina, per cortesia vai alla posta a pagarmela, che io, purtroppo, non ho tempo-. Po’ quanto me fa ‘ncazzà quanno se mette a chiacchierà in italiano, se sarà scordata che si nun era pe’ fijomo ancò badava li porchi?”
“Ma li sòrdi pe pagà te l’ha dati?”
“Si cor cazzo che me l’ha dati, commare Checchì fanno li furbi”.
“Ma tu le l’ha chiesti?”
“Nun le l’ho chesti no, sinnò po’ te dicono che si micragnosa”.
“E che ce vo’ fa commare Ninè, ce vo pazienza”
“Dici be’ tu, pazienza un parde cojoni, e intanto io pago”.

Ed eccole le comari, anche stamattina tra una chiacchiera e l’altra hanno varcato il cancello del cimitero.
“Curri curri commare Ninè che c’è lo camposantaro, sbrighete che stamattina lo ‘cchiappamo”
“A si lo vedo, guarda ‘mpò come scappa via? Curri tu ‘ncò, gira de là che io giro de ccà e le faccio lo controgiro. Stamattima lo ‘chiappamo”.
Le comari fanno il giro del camposanto ma il custode è svanito nel nulla.
“E che ce vo’ fa commare Ninè, ce vo’ pazienza”
“Tu co sta pazienza è da ieri che me rompi li cojoni, lassamo perda che è mejo. Se vedemo quanno emo fatto”.

Adesso come tutte le mattine arriva il turno di Giovanni e Romeo e tutti i riferimenti a persone o tombe sono da considerarsi casuali.

L’Autore


Nativo di Ronciglione vive a Caprarola, il suo ultimo libro il Cane Nero verrà presentato venerdi 24 maggio al Cubo Festiva di Ronciglione

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI