Pasqua e Pasquetta in zona rossa: le regole per gli spostamenti e le visite, ma anche le idee da cogliere

di Sara Grassotti

Da sabato 3 a lunedì 5 aprile tutta l’Italia è in zona rossa. Ecco cosa si può e non si può fare.

Spostamenti
Rimane in vigore il divieto di spostamento tra le regioni. Gli spostamenti vanno giustificati con l’autocertificazione.

Seconde case
Può andare soltanto il nucleo familiare e solo se la casa non è abitata da altri. Inoltre bisogna dimostrare di essere proprietari o affittuari da una data antecedente il 14 gennaio 2021. Tuttavia una stretta agli arrivi è stata introdotta dai governatori. Ordinanze con una serie di restrizioni sono state emesse dalla Sardegna, Valle d’Aosta, provincia autonoma di Bolzano (Alto Adige), Campania, Toscana e Sicilia.

Messa
Pasqua 2021 blindata in zona rossa, a messa con l’autocertificazione e in una chiesa vicino a casa. Sarà così, visto il decreto varato con la stretta contro il coronavirus, per i fedeli di tutto il Paese. Le regole sono sempre quelle che impongono l’ingresso dei fedeli in numero contingentato, l’obbligo di mascherina e la distanza di sicurezza. Niente scambio della pace ma un inchino guardandosi negli occhi. Per i riti di Pasqua, la Cei ha invitato i fedeli a partecipare alla celebrazione in presenza nel rispetto rigoroso delle norme anti contagio. Lo streaming consigliato agli anziani e alle persone più a rischio.

Le nostre Diocesi di Viterbo,Civita Castellana, Tarquinia si sono organizzate in tal senso sui diretti canali social.

Congiunti e amici
Nei giorni di festa “nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, tra le ore 5.00 e le 22.00, restando all’interno della stessa Regione”. Quindi, sì alle visite a parenti e amici nel rispetto del coprifuoco. Il provvedimento consente gli spostamenti per visite private -a parenti o ad amici – a un massimo di due persone “che potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi”. Tali spostamenti – e quindi le visite – non sono consentiti in zona rossa.

Bar e ristoranti
In zona rossa bar e ristoranti sono chiusi. Resta consentito l’asporto fino alle 22 (fino alle 18 per i bar), a patto che il consumo non avvenga sul posto o nelle vicinanze, ed è permessa la consegna a domicilio senza limiti di orario.

Negozi
Le nuove regole della zona rossa prevedono che rimangano chiusi barbieri e parrucchieri. Rimangono aperti molti altri esercizi: alimentari, tabaccherie, ferramenta, edicole, farmacie, profumerie, lavanderie, negozi di ottica, negozi di intimo e di biancheria per la casa, negozi per abbigliamento di bambini, negozi di giocattoli.

Sport e allenamento
Sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto sia al chiuso. E’ consentito svolgere attività motoria in forma individuale, nel rispetto del distanziamento, nei pressi della propria abitazione.

E allora cosa possiamo fare?
Ci dilettiamo in casa organizzando lo scambio degli auguri virtuali.

L’aperitivo per incontrarsi “virtualmente” con amici e parenti e scambiarsi auguri e buoni auspici. Un modo, quindi, per mantenere i rapporti con gli altri simulando un minimo le abitudini perdute legate alla Pasqua tradizionale.

Preparazione della tavola pasquale:

L’elenco delle imprese artigiane associate alla Cna che hanno aderito alla campagna di promozione dei prodotti della tradizione pasquale da consegnare direttamente nel proprio domicilio. LEGGI L’ARTICOLO

Si trascorreranno le festività pasquali principalmente ai fornelli, per preparare i piatti della tradizione o sperimentare assaggini e finger food con conviventi, familiari e parenti stretti.
La ricetta di Leda, un primo piatto stuzzicante. LEGGI L’ARTICOLO

Le maratone televisive e il binge-watching,
Approfittando del tempo libero, godiamoci le serie tv arretrate o scopriamone delle nuove, su Ray Play ne troviamo di bellissime.
LEGGI L’ARTICOLO
LEGGI L’ARTICOLO
Godiamoci il video che racconta le nostre bellezze.
Andiamo alla ricerca del mistero dei templari. Visitiamo 2 eremi scavati nella roccia sulle rive del fiume Fiora, nella Tuscia viterbese.

La tradizionale colazione di Pasqua
La tipica colazione non per niente leggera mista dolce-salato. La ritualità della colazione pasquale viterbese abbina la Pizza di Pasqua di sapore dolce al capocollo o al salame corallina, entrambi tipicità locali. Un’altra versione della pizza di Pasqua la vede in forma salata, con il formaggio. Immancabili le uova sode, decorate o di cioccolato.

Altrimenti un semplice concentrato di dolcezza…
Basta poco… Cornettini alla Nutella. Ecco come prepararli in 5 minuti, secondo JBefun
GUARDA IL VIDEO

Il picnic di Pasquetta in giardino.Salta la tradizionale colazione a Pianoscarano.
Per Pasquetta, ovviamente, salterà la tradizionale colazione di Pianoscarano, il quartiere antico e popolare di Viterbo, rito della Pasqua che tanto successo ha sempre riscosso fra i viterbesi, organizzato dal Circolo Amici di Pianoscarano, un appuntamento a cui  tutti erano invitati.
Tuttavia, a casa nella tavola imbandita, sarà possibile mangiare affettati locali, uova sode, frittate, carciofi fritti, e fare a distanza, un simbolico augurio di buona Pasqua a tutti amici vicini e lontani.

Un angolo per la lettura. una nostra storia da recuperare… Il Palazzo delle Poste a Viterbo.
LEGGI L’ARTICOLO 

La buona azione che si può fare
Acquistare un uovo di Pasqua dell’AIL. Dal 1969 AIL promuove e sostiene la ricerca scientifica per la cura delle leucemie, dei linfomi e del mieloma. Assolve il compito di assistere i malati e le loro famiglie, lotta al loro fianco per migliorarne la qualità della vita e sostenerli nel complesso percorso delle cure. Sensibilizza l’opinione pubblica sulla lotta contro le malattie del sangue.

 

E per finire… I suoni che ci mancano di più. Chiudete gli occhi e ascoltate…
ASCOLTA L’AUDIO

Buona Pasqua a tutti.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI