Pane e Olio al Museo del Costume Farnesiano

Sabato 20 agosto alle 17,30, penultimo appuntamento con la rassegna MuseiOn.

Questa volta al Museo del costume farnesiano di Gradoli, Piazza Luigi Palombini. Qui è di scena “Pane e olio”, un recital spettacolo ideato e recitato da Gianni Abbate, con l’accompagnamento musicale dal vivo del maestro Fabio Barili.

Il recital spettacolo, attraverso le più belle poesie di tutti i tempi, le storie, le leggende e i suoi aneddoti, farà scoprire quei sapori della terra che ci accompagnano da millenni: pane olio e vino. L’origine del pane risale al paleolitico, mentre la figura del fornaio la ritroviamo per la prima volta nell’antico Egitto, anche quella dell’olivo si perde nella notte dei tempi. Si pensa che provenga dall’Asia Minore, da dove poi si è diffuso, nel corso dei millenni in tutto il bacino mediterraneo. L’omaggio al vino, invece, la bevanda per eccellenza che ha accompagnato l’uomo nei secoli, parte da Dioniso o Bacco, dalla sua nascita prodigiosa dalla coscia di Zeus e di come insegnò agli uomini l’arte di inebriarsi col mosto fermentato. Così nel recital troviamo versi d’Alceo e Archiloco, per passare poi a Catullo e ancora salendo nei secoli a Gioacchino Belli, Charles Baudelaire, Borges, naturalmente Neruda, fino ad arrivare ad un inedito Eduardo.  In scena Gianni Abbate e il Maestro Fabio Barili alla chitarra classica. Ci saranno, naturalmente, del buon vino e tarallucci all’olio d’oliva da assaggiare.

L’ingresso è gratuito.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI