Nuovo allevamento intensivo di galline ovaiole a Montefiascone, anche la Lav dice NO

LAV sostiene l’azione del Comitato per la tutela del Paesaggio, dell’Ambiente, del Turismo, e delle Tradizioni Rurali di Montefiascone (COPATTRIM) chiede ai giudici del TAR e al sindaco della cittadina viterbese, di sospendere la costruzione di un nuovo allevamento intensivo, che ospiterà circa 40000 galline ovaiole, all’interno del territorio comunale. 

La preoccupazione dei cittadini è alta, poiché questo nuovo allevamento andrebbe a incidere su un territorio già caratterizzato da alta densità zootecnica, ponendo una grave minaccia alla salute pubblica e all’ambiente.  

Gli allevamenti avicoli sono responsabili di elevate emissioni di ammoniaca, causa principale della formazione di PM2,5 PM10polveri sottili con un accertato effetto cancerogeno sull’apparato respiratorio, che si cerca di contrastare in ogni maniera con politiche di contenimentoNon trascurabile è anche l’odore pungenteche ricade pesantemente sull’ambiente circostante, peggiorando la salubrità dell’aria e danneggiando la salute pubblica. 

Oltre ai rischi per persone e ambiente, non dobbiamo dimenticare che gli allevamenti sono vere e proprie fabbriche animali dove gli individui non sono altro che numeri, costretti in spazi angusti e senza possibilità di mettere in atto i propri comportamenti naturali. Le condizioni di sovraffollamento, poi, impongono un massiccio utilizzo di antibiotici, pratica pericolosamente associata al fenomeno dell’antibiotico-resistenzache è responsabile della morte di migliaia di persone all’anno in Italia, con un’incidenza più elevata rispetto alla media Europea.  

Gli animali confinati nei capannoni sono stati selezionati per essere dei cloni caratterizzati da identico patrimonio genetico che li rende fortemente esposti alla contrazione di zoonosi. Prima tra tutte è l’influenza aviaria, in particolar modo il virus H5N1, già osservato speciale e causa di abbattimenti in tutto il Mondo visto l’elevato rischio di passaggio dagli animali all’uomo e la potenzialità di originare una nuova pandemia. 

Nel caso del nuovo allevamento di Montefiascone, questo rischio è ancora più grave, poiché l’area identificata per la costruzione è molto vicina al lago di Bolsena, habitat di molte specie di volatili, inclusi uccelli migratori e specie bersaglio, come il Germano Reale, con conseguente aumento della probabilità di diffusione del virus dagli animali selvatici a quelli confinati negli allevamenti. 

Altre amministrazioni in Italia hanno già affrontato le problematiche legate alla proliferazione degli impianti di allevamento e, consapevoli delle gravi ricadute per l’ambiente, il territorio, e la salute dei cittadini, hanno deciso di non autorizzare ampliamenti o costruzione di nuovi impianti dove la presenza è già importante, al fine di non peggiorare il quadro delle emissioni e della salute dei cittadini. 

Rinnoviamo il nostro sostegno a COPATTRIMchiedendo ai giudici del TAR e al sindaco la sospensione della costruzione dell’allevamento di Montefiascone come atto di sostenibilità e nell’interesse della collettività tutta. 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI