Museion: al Museo del Fiore arriva “Tempeste”

La rassegna MuseiOn al Museo del fiore di Torre Alfina prevede martedì 9 agosto alle ore 18.30, lo spettacolo itinerante “Tempeste, l’olivo, il vino, le pietre: trilogia della rinascita” di O Thiasos teatroNatura, dalle Metamorfosi di Ovidio, scritto e narrato da Sista Bramini, con polifonie della tradizione mediterranea e orientale trascritte e interpretate da Camilla Dell’Agnola e Valentina Turrini.

I miti non sono mai accaduti, ma accadono sempre. Quanto più un mito è antico, tanto più è ricco di futuro perché in esso sono custodite possibilità che ancora aspettano di realizzarsi. Quando la realtà appare senza scopo e senza via, tutti diveniamo vittime. La vita è per sua natura esposta alla catastrofe che cerchiamo il più possibile di evitare, ma è solo dopo una profonda crisi che si rinasce davvero.

In Tempeste, sono narrati tre antichi miti che, in modo diverso, parlano di catastrofi e rinascite. In ciascun mito, da una catastrofe rinasce la vita sotto una nuova forma. Il primo, legato all’origine dell’olivo, è il mito di fondazione di Atene e della democrazia. Qui la previsione della catastrofe costringe una comunità a compiere una scelta decisiva per il futuro. Grazie a quella scelta la comunità fonda se stessa.
O Thiasos TeatroNatura diretto da Sista Bramini concentra la propria ricerca e il lavoro di ensemble sulle relazioni tra arte drammatica, coscienza ecologica e ambiente naturale. Sviluppa dal 1992 un originale progetto artistico e s’interroga, attraverso la messa in scena di spettacoli itineranti in luoghi naturali, sulle possibilità di un dialogo tra mondo umano e natura, sull’ecologia come cura dell’abitare la terra, sul ruolo che possono avere il teatro, il mito antico, il canto nel riannodare un tessuto lacerato. Realizza spettacoli e laboratori in parchi e riserve naturali, siti archeologici e aree da valorizzare. Ore 18,30 Museo del fiore Tore Alfina, è gradita la prenotazione. Ingresso gratuito.

Info e prenotazioni: 347.1103270 – 329.2605169

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI