Mondo Convenienza migliore brand online a novembre 2016

Mondo Convenienza torna in prima posizione nella classifica stilata da BEM Research dei migliori brand online nel settore dell’arredamento a novembre 2016. Al secondo posto si conferma Ikea, mentre Conforama scala diverse posizioni e conquista il terzo gradino. Maisons du Monde scivola in quarta posizione perdendo il primato registrato lo scorso ottobre, Mini in the box guadagna una posizione e torna in top five, scavalcando Poltronesofà.

Tra i brand che a novembre hanno registrato ottime performance sul web si individua Eurocali, che dal 17° posto si attesta in ottava posizione. Diverse sono le new entry di questo mese: tra quelle con le migliori prestazioni si possono citare Las MobiliGiessegi e Mak Mobili.

Nel complesso, la classifica di BEM Research ha analizzato l’andamento di circa 60 siti web appartenenti al settore arredo. La performance media è stata pari a 31,9 punti, sostanzialmente stabile rispetto al mese precedente. In netto aumento sono risultate le tendenze di ricerche di parole collegate all’arredamento: rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente la crescita è stata del 35%.

«L’arredo è un settore molto dinamico in cui la competizione sul web è particolarmente accesa –  sottolinea Mariachiara Marsella, web marketing manager di BEM Research – Gli utenti si rivolgono sempre più spesso a Internet per individuare ed eventualmente acquistare i mobili per la loro casa. Le aziende che producono e/o vendono mobili sembra siano consapevoli di queste dinamiche di mercato e quindi dedicano particolare attenzione al web, come testimoniato dall’elevato numero di aziende presenti nella classifica del BEM RankConfortante – aggiunge Marsella – che circa due terzi dei brand con le migliori performance sul web siano italiani, un’ulteriore conferma sul fatto che il made in Italy nell’arredamento possa offrire un rilevante contributo alla crescita del paese».

I dati sulla produzione industriale italiana nell’arredo vedono una crescita nei primi nove mesi del 2016 pari al 2,5% rispetto all’anno prima, segnalando una buona dinamica. La strada da compiere per recuperare i livelli pre-crisi è però ancora molto lunga: rispetto al 2006 la produzione è diminuita di circa il 26%. La crisi del mercato domestico è alla base di questo risultato. Un vero rilanciato del settore deve quindi necessariamente passare attraverso il web e l’immenso bacino di utenti che si possono raggiungere attraverso questo canale di vendita.

[pp_gallery gallery_id=”67832″ width=”500″ height=”654″]

 

Fonte: BEM Research

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI