Le sorelle Rohrwacher: l’Altopiano dell’Alfina a ritrovar le stelle

“Dall’Altopiano lo sguardo spazia ad occidente verso il Monte Amiata, ad oriente fino agli Appennini; ancora un po’ appartato dal rumore del mondo ci regala notti serene piene di stelle. Cerchiamo di proteggere il suo fragile equilibrio” La definizione è di Alba e Alice Rohrwacher. Qesta la loro descrizione del luogo del cuore al Fai, due anni or sono. ”L’altopiano dell’Alfina è un altopiano vulcanico che comprende i territori dei comuni di Acquapendente, Bolsena, San Lorenzo Nuovo e Proceno nell’AltoLazio; Orvieto, Castel Viscardo, Castel Giorgio, Porano nella bassa Umbria. Con le sue nere rocce basaltiche, nate dal primordiale vulcano, raccoglie e nutre d’acqua potabile il lago di Bolsena, privo di immissari superficiali, e i comuni d’intorno. Ampie distese di campi e boschi quasi immutati nel corso dei secoli si estendono per migliaia di ettari ad una quota di circa 600 metri slm per poi insolcarsi in una valle profonda e verde (la valle di Benano) ed inerpicarsi ancora nelle rocce tufacee di Orvieto, Rocca Ripesena, Porano. Il castello di Torre Alfina troneggia a nord ovest, abbracciando a 360 gradi la vista del Monte Amiata, del Monte Cetona, del Monte Arale, del Monte Peglia e più lontane, ma ancora visibili, le prime creste dell’Appennino e dei Cimini. A sud est dell’altopiano il castello di San Quirico incornicia in lontananza, tra le sue mura ed il verde prepotente di prati e boschi, sentieri tortuosi e lunghi che portano ovunque si desideri andare, così come condussero nei tempi remoti gli etruschi, itineranti tra i luoghi di vita e quelli di devozione. Potendo volare come un uccello sul cielo dell’altopiano, si scorge una distesa verde intervallata da prati e boschi e puntinata armoniosamente da vecchi casali in pietra, testimonianza architettonica tangibile di un recente passato rurale rimasto quasi immutato, come per magia, in questi luoghi in cui il presente è si arrivato, ma non con la sua furia devastante. Tra campi saggiamente coltivati da giovani che hanno saputo rubare la saggezza antica e anziani che scandiscono ogni istante del loro tempo con la medesima cadenza di mille e mille anni, si arriva sul ciglio profondo e cupo della foresta della riserva naturale del Monte Rufeno. Là dove il lupo trova la sua dimora ed il capriolo, il cinghiale e la lepre si fondono con l’umido sottobosco per trovarvi riparo. È facile uscire dalle città, avviarsi da Acquapendente, inerpicarsi per i tornanti di Orvieto o di Bolsena e trovarsi nel silenzio, accarezzati dal vento, avvolti dai profumi delle stagioni a ritrovare nella propria anima memorie antiche, saggezze che credevamo perdute. È dolce scoprire sorrisi, volti giovani e meno giovani che hanno scelto di intrecciare il proprio tempo e la propria vita con il pulsare del tempo e della vita dell’altopiano. Se cercherete un sorriso, là lo troverete. Se cercherete profumi e sapori semplici e antichi, là li troverete. Se cercherete un luogo dove sostare ad aspettare che la parte più sottile del vostro spirito finalmente vi raggiunga, là lo troverete” . Per noi è stato fonte ispiratrice delle nostre opere ma prima di tutto della nostra storia di persone che ci vede con i piedi per terra ovunque ci troviamo che sia Holliwood che sia la quiete di quel crocevia umbro laziale ove torniamo per ossigenarci, con il ronzio delle api come musica soave.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI