La Viterbese esce dai playoff, contro la Giana Erminio non basta il pareggio

Giana Erminio (3-4-1-2): Viotti, Perico, Bonalumi, Montesano, Iovine, Pinardi (dall’85° Biraghi), Marotta, Augello, Chiarello (dal 69° Pinto), Gullit (all’83° Perna), Bruno. In panchina: Sanchez, Capaccio, Tremolada, Rocchi, Sosio, Pinto, Biraghi, Greselin, Capano, Perna, Appiah, Ferrari. Allenatore: Cesare Albè.
Viterbese (3-4-3): Iannarilli, Celiento, Dierna, Pacciardi, Pandolfi, Cuffa (dal 69° Cenciarelli), Cruciani, Varutti, Neglia, Jefferson (dal 65° Jallow), Battista (dal 53° Sandomenico). In panchina: Pini, Micheli, Tortolani, Paolelli, Jallow, Cenciarelli, Miceli, Cardore, Sandomenico, Doninelli. Allenatore: Rosolino Puccica.
Arbitro: Antonello Balice di Termoli.
Reti: 2° Jefferson (V), 3° Augello (G), 56° Chiarello (G), 58° Dierna (V).

Per la prima manche dei playoff di Lega Pro, la Viterbese ha fatto scalo in Lombardia, allo stadio comunale “Città di Gorgonzola”, dove ha pareggiato per 2-2 con la Giana Erminio, perdendo la possibilità di accedere alla seconda fase per la promozione in serie B. Un diritto acquisito dal team lombardo nonostante la parità, in virtù del miglior piazzamento ottenuto in classifica al termine del campionato (5° posto Giana Erminio con 63 punti, 8° posto Viterbese con 54 punti).
La partita inizia e gli ospiti partono subito a razzo, recuperando con Neglia un pallone prezioso in fase difensiva, immediatamente girato a Jefferson, che entra con velocità in area lombarda, scarta un avversario e, dopo appena due minuti, realizza di destro la rete dello 0-1. La Giana Erminio non si scompone e si lancia in attacco, la palla arriva sulla fascia sinistra fra le gambe di Augello, che fa scoccare un tiro potente e al 3° minuto, grazie a una lieve deviazione di Celiento, trova il gol del pareggio: 1-1. Al 12° minuto i padroni di casa ottengono un calcio di punizione da posizione interessante, batte Pinardi direttamente in porta, ma la sfera finisce d’un soffio sopra la traversa. Al 24° minuto, i gialloblù sfiorano il vantaggio con Neglia, che viene servito perfettamente in area, ma una volta arrivato davanti al Viotti, calcia con poca convinzione e il portiere biancoazzurro riesce a dirottare in corner. Al 27° minuto, è Iannarilli a rifugiarsi in calcio d’angolo, parando una bordata micidiale di Bruno dal limite dell’area. Durante la seconda parte del primo tempo, la Viterbese dà l’impressione di soffrire parecchio la verve offensiva dei lombardi, pericolosi soprattutto nelle ripartenze, culminate con i guizzi di Bruno e Marotta. Ma Iannarilli fa ottima guardia fra i pali e, grazie a un paio di interventi miracolosi, riesce a mantenere il risultato parità fino al rientro delle due squadre negli spogliatoi.
Alla ripresa, i gialloblù cercano di alzare il ritmo di gioco per sbloccare il punteggio, ma rischiano di sbilanciarsi in fase difensiva, innescando gli scatti di Gullit e compagni, che mettono a dura prova i riflessi del numero 1 laziale. E infatti al 56° minuto, proprio Gullit fa partire un cross millimetrico per Chiarello, che con un imprendibile diagonale sigla il 2-1. La Viterbese non ci sta e resetta presto il divario con un colpo di testa di Dierna, che al 58° minuto realizza il 2-2. Al 64° minuto, Pacciardi atterra in area di rigore Bruno, l’arbitro non ha dubbi ed estrae il cartellino giallo per il difensore laziale, assegnando il calcio di rigore in favore della Giana Erminio. Si avvicina al dischetto Pinardi, che dopo una breve rincorsa stampa la palla sul palo, sprecando un’occasione d’oro per chiudere definitivamente l’incontro. Nell’ultimo quarto d’ora gli ospiti tentano il tutto per tutto per provare a vincere la partita, ma i biancoazzurri proteggono con intelligenza il pareggio e conquistano la qualificazione alla seconda fase della post season, dove si scontreranno con il Pordenone, che ha superato il Bassano Virtus per 2-0.
Il team di mister Puccica conclude onoratamente la sua prima avventura in Lega Pro, dopo un’annata complicata da numerosi infortuni e cambi tecnici, ma comunque positiva, che ha fatto registrare 14 vittorie, 12 pareggi e 12 sconfitte e l’obiettivo dei playoff centrato. Ora resta sciogliere i dubbi sulla decisione del patron Piero Camillli di voler abbandonare la squadra al termine di questa stagione.

GLI ALTRI RISULTATI

Girone A
Arezzo – Lucchese 1-2
Giana Erminio – Viterbese 2-2
Livorno – Renate 2-1
Piacenza – Como 2-1

Girone B
Pordenone – Bassano Virtus 2-0
Padova – Albinoleffe 1-3
Reggiana – Feralpisalò 2-2
Gubbio – Sambenedettese 2-3

Girone C
Juve Stabia – Catania 0-0
Virtus Francavilla – Fondi 0-0
Siracusa – Casertana 0-2
Cosenza – Paganese 2-0

SECONDA FASE PLAYOFF
(andata 21 maggio, ritorno 24 maggio)

Casertana – Alessandria
Piacenza – Parma
Sambenedettese – Lecce
Cosenza – Matera
Livorno – Virtus Francavilla
Pordenone – Giana Erminio
Juve Stabia – Reggiana
Lucchese – Albinoleffe

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI