“In Cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”, itinerario naturalistico, spirituale sempre inedito

Domenica 5 dicembre, come ogni anno, si terrà l’edizione straordinaria della rievocazione storica-religiosa “In Cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa” da Viterbo – Soriano nel Cimino, una delle tappe più belle dei percorsi dedicati alle vie dell’esilio di Santa Rosa.

Un itinerario naturalistico, storico e religioso di grande bellezza che da Viterbo arriva a Soriano nel Cimino, tra antichi sentieri, sorgenti, eremi, castelli medioevali e boschi nella loro splendida veste autunnale con alcuni aspetti davvero particolari che meritano di essere conosciuti.

Una camminata che coincide con il 771º anniversario dell’esilio di Santa Rosa iniziato, secondo le fonti storiche più autorevoli (descritto anche sulla Vita I), il 4 dicembre 1250.

L’iniziativa, tra i diversi aspetti religiosi, storici e naturalistici, servirà anche a comprendere il sacrificio che fece Santa Rosa, gravemente malata, nel tratto di circa 16 chilometri che va da Viterbo a Soriano nel Cimino, a poco più di due mesi dalla sua morte, avvenuta il 6 marzo 1251.

Lungo il tragitto verrà allestito un punto di ristoro con bevande e spuntini. Il pranzo sarà prenotabile come sempre alla partenza a cura di Sapori d’Italia di Clelia Picano, oppure al sacco a propria cura. Per il ritorno da Soriano nel Cimino, nel pomeriggio, sono previsti o mezzi propri o l’uso del trenino Met.Ro. (ex Roma Nord), quest’ultimo un modo simpatico ed ecologico per rientrare a Viterbo in compagnia.

Chiunque sia intenzionato a usufruire di quest’ultimo mezzo dovrà munirsi anticipatamente del biglietto o prenotarlo la domenica mattina al momento dell’iscrizione prima della partenza per Soriano nel Cimino.

Ad accompagnare il gruppo, tra gli altri, saranno Anna Rita Properzi guida turistica ed ambientale escursionistica Aigae e i cavalieri del soccorso città di Viterbo. L’evento è patrocinato anche dalla Gramas – rete delle grandi macchine a spalla patrimonio immateriale UNESCO e dal sodalizio facchini di Santa Rosa.

Gli organizzatori ringraziano particolarmente, tra gli altri, l’associazione Gea – Gestione educazione ambientale di Soriano nel Cimino, curatrice della tenuta di Sant’Egidio, sita nei pressi della chiesetta della Trinità, all’interno del bosco, per la manutenzione e pulizia dell’ultimo tratto del percorso Viterbo – Soriano nel Cimino.

INFORMAZIONI E DETTAGLI: Anna Rita Properzi, Guida Turistica abilitata dalla Regione Lazio e Guida Ambientale Escursionistica iscritta nel Registro Italiano AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche) con polizza assicurativa RC attiva.

PRENOTAZIONI: 333 4912669 Anna Rita o tramite il sito www.annaritaproperzi.it oppure tramite whatsapp, canale telegram https://t.me/lepasseggiatediannarita, mail annaritaproperzi@gmail.com; oppure tramite 3382129568 Silvio – 3281670365 Barbara.

APPUNTAMENTO: ore 8.30 in piazza della Crocetta a Viterbo (il banco iscrizioni sarà già aperto alle 8), luogo della prima sepoltura della Santa viterbese. Partenza ore 9.00 termine delle iscrizioni, prenotazioni pranzo e biglietti del treno per il ritorno.

COSTI ESCURSIONE: 10€ quota di partecipazione; 1,10€ biglietto del treno; 6€ circa pranzo con Sapori d’Italia.

ABBIGLIAMENTO: comodo e adatto alla stagione e alle basse temperature, con k-way a portata di mano, pantaloni lunghi, scarponcini da trekking o antiscivolo. Consigliati i bastoncini da trekking e un cambio d’indumenti nell’evenienza di bagnarsi per l’umidità o il sudore. Mascherina e gel igienizzante.

PRANZO: Il pranzo sarà prenotabile come sempre alla partenza a cura di Sapori d’Italia di Clelia Picano, oppure al sacco a propria cura.

CARATTERISTICHE PERCORSO: lunghezza 16 km circa, difficoltà media E (escursionistico), dislivello 300 mt. Il percorso è composto da tratti su stradine di campagna, mulattiere con roccia, sentieri nei boschi e piccoli tratti di strada asfaltata.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI