Il Monterosi deve ripartire dal secondo tempo col Potenza

di Alfredo Boldorini

MONTEROSI – E’ presto per dirlo. C’è da pensare alla sfida con il Palermo di domenica prossima al Renzo Barbera, Palermo-Monterosi, una sfida, tra l’altro, impensabile per i biancorossi di via Martoni fino a qualche anno fa. C’è da fare la conta dei disponibili (contro i lucani non erano disponibili ben 10 giocatori), ci sono da verificare le condizioni degli infortunati a corto raggio però il Monterosi deve ripartire dal secondo tempo contro il Potenza. Primo tempo (quasi) da dimenticare con i leoni lucani che hanno fatto una gara di contenimento pungendo in contropiede. Alia e soci non sono riusciti a prendere le contromisure. Bene, molto bene, invece, la seconda frazione di gara sia sotto il profilo del gioco, della disposizione in campo sia della mentalità. Interessanti gli esordi del geometra Basit in mediana (poi uscito per infortunio), della punta Artistico (ottimo un suo assolo il secondo tempo che meritava il gol ma l’estremo difensore Marcone ha detto no) e soprattutto Ekuban che non solo ha sfidato a duello (di velocità) i centrali del Potenza apparsi incerti ma che ha dato profondità all’attacco biancorosso. Tant’è che l’ex Virtus Francavilla si è anche procurato il rigore trasformato da Adamo al 25 della ripresa. Insomma se il buongiorno si vede dal mattino gli innesti arrivati nel mercato invernali potrebbero dare quella spinta decisiva per la salvezza.
Ma adesso testa al Palermo, poi in casa doppio scontro con Bari e quindi Taranto.
Una buona notizia arriva dal recupero di Verde (che ha scontato il turno di squalifica), uno dei giovani più promettenti dell’intera serie C, autore non solo di ottime gare ma anche di 3 gol (due solo a Latina nel pirotecnico 3-3 di dicembre).
Foto dalla pagina Facebook del Monterosi Tuscia Fc
COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI