Il generale Tullio Del Sette va in pensione. Iscritto nell’Albo D’Oro della Città di Viterbo

Il generale Tullio Del Sette va in pensione. Il suo posto è stato assunto dal Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri (uno degli ufficiali più “moderni” e più “attrezzati” della Benemerita).La biografia di Tullio del Sette è comunque di tutto rilievo, se si considera che è figlio di un appuntato dei carabinieri.Di origini viterbesi, precisamente di Graffignano, Del Sette ha intrapreso la carriera militare nel 1970 frequentando il 152º corso presso l’Accademia militare di Modena. Successivamente ha ricoperto gli incarichi di Capo ufficio Pubbliche Relazioni del Comando generale dell’Arma dei Carabinieri, di Comandante Provinciale di Pisa, di Capo di Stato Maggiore della Regione Carabinieri Campania, di Comandante Provinciale di Torino e, infine, di Capo del I Reparto del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Promosso generale di brigata ha comandato la Legione carabinieri “Toscana” e dal 2004 è stato Capo Ufficio legislativo del Ministero della difesa per oltre sette anni. Nel 2012 è stato promosso generale di corpo d’armata e posto al comando delle unità mobili e specializzate carabinieri “Palidoro”. Il 1º gennaio 2013 è stato nominato Comandante interregionale “Podgora”, incarico a cui si è aggiunto l’8 luglio 2013 quello di vice comandante generale dell’Arma dei carabinieri. Dal 24 giugno 2014 è andato a ricoprire l’ufficio di Capo di gabinetto del ministro della Difesa Roberta Pinotti. Nel dicembre 2014 è stato indicato dal Consiglio dei ministri come nuovo comandante generale dell’Arma dei carabinieri, dove si insedia il 16 gennaio 2015.Il Comandante Generale dell’Arma dei carabinieri,Tullio Del Sette, è stato iscritto nell’Albo D’Oro della Città di Viterbo. La cerimonia si è svolta nel novembre 2017 alla Sala Regia di Palazzo dei Priori.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI