Il Carnevale di Ronciglione si presenta con una domenica in più

di Donatella Agostini

Manca solamente una settimana all’inizio del Carnevale Ronciglionese: la grande attesa sta per finire. L’edizione 2019 prevede una domenica di festeggiamenti in più rispetto al consueto, per uniformarsi gradualmente ai calendari degli altri grandi carnevali italiani. Ronciglione è la patria di un Carnevale tra i più antichi dell’Italia centrale e tra i dieci più belli d’Italia, che affonda le sue radici nell’antico Carnevale rinascimentale di farnesiana memoria. Ad illustrare le modalità di svolgimento, le caratteristiche ma anche lo spirito autentico che permea la manifestazione ronciglionese, sono intervenuti questa mattina in conferenza stampa, presso la sala consiliare del comune di Ronciglione, il sindaco Mario Mengoni, il consigliere con delega al Turismo Gianluca Trentani e i rappresentanti della ProLoco tra cui Tommaso Valeri e Silvia Scialanca. “Come amministrazione abbiamo scelto di impegnarci in prima persona per migliorare sempre di più questa già stupenda realtà”, ha affermato il consigliere Trentani. “Grazie ai fondi erogati dal MIBACT, abbiamo investito nella sicurezza delle persone e in nuove attrezzature. E abbiamo puntato molto sulla promozione: quest’anno realizzeremo un video da utilizzare in futuro come promo, grazie alla presenza di una regia mobile che trasmetterà in diretta l’intero corso di gala. L’ultima domenica disporremo anche un maxischermo di quasi 35 mq. per migliorare la godibilità dell’evento. Ad illustrare lo spirito antico e sempre nuovo alla base dei festeggiamenti ronciglionesi, il giovane sindaco Mario Mengoni: “Il nostro Carnevale è l’espressione più autentica del nostro sentirci comunità. Dobbiamo fare in modo che rimanga la grande manifestazione di oggi, e anzi promuoverla, diffonderla e farla crescere. Soprattutto, dobbiamo riscoprire il vero spirito del Carnevale, che risale addirittura all’antica Grecia. Allora il Carnevale era un momento di superamento delle classi sociali e delle gerarchie, il rovesciamento provvisorio delle regole del vivere comune. Un modo per protestare contro le ingiustizie sociali, attraverso la maschera e lo scherzo, per una legittima aspirazione ad un futuro migliore. Oggi ci si maschera, non soltanto per trascorrere giornate di festa, non solo per promuovere turisticamente il nostro territorio, ma anche e soprattutto per rinforzare il sentimento di coesione nell’intera comunità. Nessuno escluso”.
Ma andiamo a scorrere il calendario della manifestazione, per evidenziare in ogni giornata gli eventi clou.
Domenica 17 febbraio, domenica 24 febbraio, domenica 3 marzo: alle ore 16.00, il 324° Grandioso Corso di Gala: maschere, carri allegorici, gruppi mascherati e bande folcloristiche. Ad aprire la manifestazione la madrina 2019 Francesca Brambilla, direttamente dalla trasmissione televisiva “Avanti un altro!”. A seguire, tutti in piazza della Nave per ballare il tradizionale Saltarello di Carnevale.
Giovedì 28 febbraio: alle ore 14.30 il Campanone suonerà a distesa per annunciare il ritorno di Re Carnevale; alle ore 15 inizia la follia carnevalesca: le autorità cittadine consegnano le chiavi della Città di Ronciglione a Re Carnevale e alla sua Madrina.
Venerdì 1° marzo: Veglionissimo dello Studente presso il PalaCarnevale con i DJS “Miami Blue”.
Sabato 2 marzo: Carnevale “Jotto”, un pomeriggio dedicato alla golosa gastronomia con polentari, tripparoli, frittellari , porchetta e cioccolato.
Lunedì 4 marzo: alle ore 14.30 il Carnevale dei Nasi Rossi, le tipiche maschere carnevalesche di Ronciglione. Alle 16.30 la tradizionale carica dei Nasi Rossi; a seguire, cena tradizionale e Gran Veglione di Gala dell’associazione Nasi Rossi, presso la discoteca “Due Cigni”.
Martedì 5 marzo: alle ore 18.30, rappresentazione della morte di Re Carnevale e apertura del suo testamento. Corteo funebre allegorico con fiaccolata. Alle 19.30 partenza di Re Carnevale con globo aerostatico. Alle 21.30, veglia tradizionale, apericena e ballo.
Per il calendario integrale, si può accedere al sito internet www.carnevaledironciglione.org, per avere notizie anche sui gruppi mascherati, sui menu convenzionati e sugli sponsor.
Prevista l’apertura del Museo del Carnevale, per far conoscere ai visitatori le origini, le antiche maschere e le tradizioni della manifestazione ronciglionese. Il 2 e il 3 marzo inoltre si svolgerà un workshop fotografico, a cura di Stefano Ioncoli e di Enrico Barbini, con il carnevale protagonista assoluto degli scatti dei partecipanti. Durante le tre domeniche del Corso di Gala, si terrà inoltre un concorso bandistico tra bande folcloristiche e professionali del territorio. Infine, gli artisti ronciglionesi Stefano Cianti e Jajo Moretti realizzeranno mascheroni artistici per allestire e decorare le vie del paese.
Non ci resta che augurare a tutti buon divertimento.

Foto di Patrizia Passini

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI