Giulio Maira: Ti regalo le stelle, storie di un neurochirurgo

La neurochirurgia raccontata da un grande nome della chirurgia internazionale. Il professor Giulio Maira sarà sabato 28 novembre alle 17.30, alla Biblioteca di Viterbo per presentare  “Ti regalo le stelle – storie di un neurochirurgo”, il suo primo libro di memorie in cui racconta l’amore per la sua professione, le storie che hanno costellato una carriera dedicata agli altri e i legami con i suoi affetti, negli intrecci dei ricordi familiari. Gli utili del libro saranno devoluti alla Fondazione Atena Onlus, con l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo delle neuroscienze.

Un’occasione per tutti per avvicinarsi a un mondo che spesso mette timore, come la neurochirurgia e che affascina, tutte le volte che si pensa alla ricerca e ai traguardi raggiunti.

Il professor Maira ha effettuato oltre 13.500 interventi come primo operatore ed è autore di 327 pubblicazioni scientifiche. Nel 2001, per dare maggiore impulso alla ricerca scientifica, ha fondato Atena Onlus, una fondazione impegnata a promuovere la ricerca nel campo delle Neuroscienze. Gli sono stati conferiti molti premi e onorificenze, tra cui, nel 2006, la più importante, quella di Cavaliere di Gran Croce.

Il professor Maira ci ricorda la sua vita, la sua passione per la medicina intesa come soccorso all’altro. Per lui mettere la propria scienza a servizio dell’altro è dovere ma anche consolazione. Ciò emerge nei mille incontri con personaggi diversi, statisti, artisti, le suore di madre Teresa a Calcutta e soprattutto i pazienti, con i quali come con parenti stretti, si condividono gioie e dolori. Una vita dedicata al prossimo ma con entusiasmo perché fare del bene fa bene. In Giulio c’è come un continuo ringraziamento, per quello che vede, per quello che legge, per quello che fa, un ‘cantico delle creature’ che sorge spontaneo dalla sua anima.” (dalla Prefazione di Lamberto Maffei)

Sempre in Biblioteca la mattina del 28 novembre ci sarà l’inaugurazione della mostra dedicata a Pier Paolo Pasolini.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI