Dossier Idos: oltre trentamila immigrati nella Tuscia

Portrait of a large group of a Mixed Age people smiling and embracing together. [url=http://www.istockphoto.com/search/lightbox/9786738][img]http://dl.dropbox.com/u/40117171/group.jpg[/img][/url]

Il dossier Idos , centro studi di ricerche ci consegna l’ identikit della presenza straniera nella provincia viterbese. Sono 30.028 i migranti residenti nei sessanta comuni della provincia di Viterbo e rappresentano una fetta pari al 9,3% della popolazione residente.
La Tuscia si colloca al terzo posto tra le province laziali per numero cittadini stranieri censiti, I dati sono aggiornati al 31 dicembre 2014.
Una presenza in crescita da anni nel raffronto anno 2013 l’incremento è stato dell’1,5%. con le donne che detengono la maggioranza un quota 53,6% oltre 6mila sono minorenni, raffigurando il 20% dell’intera popolazione migrante. 362 i bambini nati da genitori stranieri negli ospedali della Tuscia, nel corso del 2014.
Il dossier consegnato da Idos ci dice che gli stranieri che vivono nella provincia sono soprattutto giovani; gli ultra 65enni, infatti, sono solo il 3,2 per cento.
Per quanto concerne l’indotto le imprese guidate da cittadini nati all’estero sono 2.470.
La presenza dei migranti secondo il rapporto ha notevolmente contribuito ad aumentare i flussi turistici nel Lazio,soprattutto a Roma, nel 2014 oltre un milione di congiunti degli stranieri hanno soggiornato per alcuni giorni nella Capitale e negli altri comuni.
Nel Lazio, la presenza dei cittadini stranieri è raccolta soprattutto in provincia di Roma, dove vive 81% dei 630mila stranieri residenti nella regione.
La divisione sul territorio regionale è la seguente: Romane accoglie 363mila, pari al 57,1%. Al secondo posto Latina con 45.749 Viterbo al terzo posto con , 30.028 cittadini stranieri, Frosinone, 23.754, e Rieti fanalino di coda , 13.035.
Parliamo di cittadini regolari che partecipano alla vita dei territori, una collettività che sarà sempre più numerosa che ci porta a scoprire tradizioni e culture diverse di cui tenere conto.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI