Centro Studi Santa Rosa e Unitus, siglata la convenzione. Soprattutto una collaborazione didattica

Nella mattinata di venerdì 24 gennaio, presso la Sala delle colonne del monastero di Santa Rosa, il Magnifico Rettore dell’Università degli studi della Tuscia Stefano Ubertini e il Presidente del Centro studi Santa Rosa da Viterbo onlus Attilio Bartoli Langeli hanno stipulato la convenzione che sancisce di fatto l’avvio della collaborazione tra l’ateneo viterbese e il Centro studi che porta non a caso il nome della santa patrona e che avrà una durata di tre anni.
Detta convenzione secondo quanto illustrato in corso di conferenza dal Presidente del Centro Studi Santa Rosa va a promuovere congiuntamente iniziative nei vari settori di interesse comune, come attività didattiche nei settori della paleografia, della diplomatica, dell’archivistica e dell’edizione delle fonti storiche, nonché collaborazioni volte al restauro dei beni artistici conservati nel monastero di Santa Rosa a Viterbo. Verrà promosso un corso di 25 ore che si abbinerà soprattutto all’insegnamento archivistico che avrà luogo nel monastero di Santa Rosa. Gli studenti a cui Unitus rilascerà anche dei crediti formativi potranno studiare il patrimonio storico culturale del monastero, ma anche partecipare ad attività di conservazione e restauro. Le singole iniziative andranno di volta in volta concordate tra i due enti firmatari. Il rettore dell’università di Viterbo Stefano Ubertini ha ricordato che di fatto una collaborazione tra l’università e il centro studi c’è sempre stata – si tratta in tal caso di un proseguimento perché “Rendere più forte il legame tra le istituzioni è il modo per sviluppare il territorio”.

All’incontro era presente anche suor Francesca Pizzaia superiore del santuario di santa Rosa di Viterbo che ha definito l’accordo di valenza storica.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI