“Beethoven, 250 anni di genio”, concerto d’apertura del Beethoven Festival Sutri 2020

Il violino di Carlo Maria Parazzoli e il pianoforte di Anna Lisa Bellini saranno i protagonisti del concerto di apertura del Beethoven Festival Sutri 2020 –XIX edizione, sabato 5 settembre ore 18.00 nella Chiesa di San Francesco. I due interpreti, uniti da una trentennale collaborazione artistica e una coinvolgente affinità, sono musicisti di punta del panorama concertistico: Carlo Maria Parazzoli è dal 1999 primo violino solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Bellini è protagonista di pregevoli interpretazioni con una brillante carriera alle spalle. Il programma porta il titolo  “Beethoven, 250 anni di genio” ed è un sentito e simbolico omaggio al grande compositore a cui è dedicata la manifestazione, ricorrendo quest’anno il 250° anniversario dalla nascita. I due artisti saranno protagonisti di un intenso viaggio tra le pagine di alcune tra le dieci Sonate per violino e pianoforte composte da Beethoven, repertorio da loro ampiamente frequentato ed esplorato. Aprirà il concerto la celeberrima Sonata n.5 in fa maggiore op. 24 “La primavera” terminata e riveduta nel 1801, ma tra le sonate per violino e pianoforte  riconosciuta come la pagina dalle origini più antiche e prima ad essere strutturata in quattro tempi . La denominazione ( non originale )  di “Sonata della primavera” le deriva forse dalla quieta dolcezza  che la pervade,  simbolo perfetto di una «divina semplicità»  che contrasta con il carattere dell’altra sonata in programma, l’op 30 n.2 in do minore, dal carattere accigliato, tempestoso e appassionato.  Lavoro  centrale e cruciale dell’op .30, la sonata in do minore n.7 fu composta nel 1802, anno infausto in cui la sordità di Beethoven ebbe a manifestarsi in tutta la sua gravità. Con le tre sonate dell’ op. 30,dedicate   all’Imperatore di Russia Alessandro I, Beethoven inizia ad intraprendere quel tragitto stilistico che lo allontana sempre più dagli stilemi settecenteschi per tracciare la sua via peculiare.

 

CARLO MARIA PARAZZOLI: nato a Milano, si è diplomato a pieni voti presso il Conservatorio della sua città. In seguito ha conseguito presso il Conservatorio Superiore di Ginevra il “Premier Prix de Virtuositè”. E’ stato primo violino solista dell’Orchestra Stradivari fondata e diretta dal M°Daniele Gatti, con la quale ha suonato per le maggiori società di concerti italiane ed europee. Dal 1990 al 1996 è stato primo violino del Quartetto “G.Chigi”, gruppo ufficiale dell’Accademia Chigiana di Siena. Ha suonato come solista con alcune orchestre italiane come: Angelicum e Pomeriggi Musicali di Milano, Sinfonica di San Remo, Orchestra da camera di Mantova, Orchestra del Festival Internazionale di Brescia e Bergamo. Ha collaborato come violino di spalla con le orchestre dei Pomeriggi Musicali e RAI di Milano, Haydn di Bolzano, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Comunale di Firenze, Teatro alla Scala e Filarmonica della Scala. Come camerista si è esibito con musicisti quali Sawallisch, Lonquich, Chung, Pappano, Galliano, Kavakos. Nel 2006 ha eseguito il Doppio Concerto di Brahms con l’orchestra dell’Accademia di S.Cecilia diretta da Kent Nagano. Nel 2012 ha eseguito la Sinfonia Concertante di Haydn sotto la direzione del M° Pappano, il Triplo Concerto di Beethoven con A.Lonquich e il Quintetto di Schumann con M. Argerich. Suona il violino Nicola Amati del 1651 della Fondazione “Pro Canale”. È accademico di Santa Cecilia.

ANNA LISA BELLINI: svolge una brillante attività concertistica che la vede esibirsi a livello internazionale in Germania, Cile, Giappone, Francia, Belgio, Svizzera e nei maggiori centri musicali italiani. Sotto la guida di Giuliana Brengola si è diplomata, e successivamente laureata, presso il Conservatorio di S.Cecilia sempre con il massimo dei voti e la lode, ottenendo il premio speciale “E. Iacovelli-Marchi” per il miglior diploma. Si è perfezionata con Maria Tipo, Paul Badura-Skoda e Michele Campanella.  Maria Tipo ha scritto di lei: “Le sue doti di sensibilità, comunicativa, intelligenza sono eccezionali e notevole il suo gusto per la bellezza del suono: possiede le qualità del pianista di razza”. Ha vinto primi premi in importanti concorsi quali il Concorso Europeo “B. Bartòk”, “Coppa d’Italia” di Osimo, “M. Clementi-Kawai” di Firenze, “A. Mozzati” di Milano, “Martha Del Vecchio” di Arenzano (GE). E’ stata protagonista di prime esecuzioni tra cui la prima mondiale del Quintetto di Tansman, la prima esecuzione in Germania del Trio di Skalkottas. Per la sua carriera artistica, il Canova Club di Roma le ha conferito il prestigioso premio Targa Speciale R.O.S.A “Risultati Ottenuti Senza Aiuti. Nel 2019 le è stato assegnato il “Premio Efebo Città di Sutri” dall’Amministrazione Comunale e dal Sindaco di Sutri On. Vittorio Sgarbi.

 

L’accesso ai concerti è consentito nel rispetto delle misure  previste dalla normativa anti contagio da Covid 19 in vigore.

In considerazione del numero dei posti ridotto per consentire il distanziamento, è vivamente consigliata la prenotazione per ogni concerto tramite WhatsApp al numero telefonico 3533756855 oppure all’indirizzo email info@beethovenfestivalsutri.com entro le ore 12.00 del giorno del concerto.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.beethovenfestivalsutri.com

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI