Bagnoregio: “Oasi dei piccoli” luogo dei bambini

Eleonora Marinelli, Roberta Belli e Loredana Seravalle. Sono le tre maestre che, dal 9 febbraio scorso , ogni giorno, ricevono i bambini nella loro “Oasi dei piccoli”: il nuovo centro per la prima infanzia del comune di Bagnoregio offre ai più piccoli un mondo di serenità e allegria, dove poter crescere, giocare, imparare e divertirsi. L’Associazione “Oasi dei piccoli” cerca di soddisfare le esigenze delle famiglie ponendosi come sostegno e un riferimento per i bambini.La sede sita in via Dante Alighieri presso la ex scuole elementare, allinea ambienti appositamente studiate per sviluppare gli stimoli oculo-manuali, motori e intellettivi dei bambini al fine di favorire il loro benessere psico-fisico.
“Anche se il Centro è aperto da meno di un mese – commenta la presidente Eleonora Marinelli – siamo molto soddisfatte del risultato finora raggiunto. Le iscrizioni, infatti, sono in continua crescita. Le attività psico-motriciste funzionali che vengono esercitate dai nostri piccoli rendono la nostra ‘Oasi’ un centro all’avanguardia in tutta la provincia. Un sentito ringraziamento al sindaco Bigiotti e all’amministrazione che ci hanno sostenute nella realizzazione del progetto”.
L’Oasi dei Bambini è aperta tutti i giorni, dal lunedì al venerdì: la mattina (dalle ore 8 alle 14) è dedicata ai bambini dai 10 mesi fino ai 3 anni di età; mentre il pomeriggio (dalle ore 15 alle 19) la ludoteca è aperta per i bambini dai 3 ai 12 anni di età. Tre grandi aree studiate appositamente per soddisfare il benessere dei piccoli ospiti. “Siamo orgogliosi – commenta il sindaco, Francesco Bigiotti – di aver potuto dare avvio a un importante servizio non solo per il Comune di Bagnoregio, ma per l’intero territorio della Teverina. Una struttura che va ad implementare, oltre al Centro di Studio ‘Bonaventura di Bagnoregio’ e la ludoteca comunale, i locali dedicati ai ragazzi. Colgo l’occasione per ringraziare la Fondazione Carivit, , che per il secondo anno consecutivo ha sostenuto il progetto”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI