Antonella Litta al convegno a Palazzo Gentili: L’acqua pulita e salubre è una condizione fondamentale per la salute

Si è svolto Sabato 7 dicembre scorso, presso la Sala delle conferenze della Provincia di Viterbo, il convegno: “L’acqua bene essenziale. Lo stato delle acque in Provincia di Viterbo”.
Il convegno, promosso dal Bio-distretto della Via Amerina e delle Forre e dal Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche-DEB dell’Università della Tuscia, con il patrocinio dalla Provincia Viterbo, ha proposto interventi qualificati e di grande rilievo scientifico, del professor Giuseppe Nascetti, del professor Vincenzo Piscopo e della professoressa Maria Nicolina Ripa, docenti dell’ Università degli Studi della Tuscia e del dottor Pietro Paris dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale- Ispra.
Il convegno è stato presieduto e moderato da Famiano Crucianelli presidente del Biodistretto della Via Amerina e delle Forre.
Per l’Associazione medici per l’ambiente-Isde hanno partecipato il professor Gianni Tamino docente emerito di Biologia generale all’Università di Padova e la dottoressa Antonella Litta referente nazionale dell’Isde per le problematiche ambientali e sanitarie derivanti dall’inquinamento delle acque ad uso umano.
Il professor Tamino nel corso della sua lunga attività accademica ha svolto ricerche sul rapporto tra ambiente e salute e sui flussi di materia e di energia negli ecosistemi, con particolare riguardo all’accumulo di inquinanti lungo la catena alimentare; si è occupato inoltre dei problemi legati alle biotecnologie ed è stato membro della Camera dei Deputati dal 1983 al 1992 e del Parlamento Europeo dal 1995 al 1999, dove si è occupato di ambiente, energia, trasporti, agricoltura.
Ha fatto anche parte del Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare presso il Ministero della Salute ed attualmente è componente dei Comitati Scientifici dell’ Associazione medici per l’ambiente- ISDE (International Society of Doctors for the Environment) e dell’Associazione Italiana per lo Sviluppo dell’Economia Circolare.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI