Amalasunta e Giulia Farnese “due donne, due isole e il loro Lago”

Mezzabarba-Giulia Farnese

Un evento irripetibile e per certi versi impensabile, reso possibile solo dalla mente contemporaneamente storica e futuribile della scrittrice viterbese Roberta Mezzabarba.

Dopo una serie di eventi legati al personaggio di Giulia Farnese, in questo 2024 che vede cadere il 5° centenario dalla sua morte, con cui ha incantato vastissime platee in molte delle più belle location storiche della Tuscia, la scrittrice rende realtà un incontro impossibile, quello di Amalasunta Regina degli Ostrogoti e Giulia Farnese.

Due donne che a distanza di 1000 anni hanno visto specchiati i loro volti sulle acque del Lago di Bolsena: Amalasunta trovò la morte nel 535 sull’Isola Martana, Giulia nacque nel 1475 a Capodimonte.

La Mezzabarba, che nel tempo ci ha abituato a eventi traboccanti di ogni tipo di arte, ha organizzato a Marta per domenica 23 giugno alle 17,00, presso la Sala Consiliare del Comune, un evento imperdibile: ha voluto al suo fianco il Maestro scultore ed orafo Francesco Maria Capotosti autore dei due mezzi busto di Amalasunta e di Giulia Farnese, che eccezionalmente si incontreranno per una manciata di ore, e ha invitato nella Tuscia la scrittrice Ornella Albanese.

La due scrittrici al cospetto delle superbe opere scultoree del Capotosti presenteranno i loro due romanzi: Ornella Albanese presenterà “La Regina senza trono – Amalasunta, figlia indomita di Teoderico il Grande” (Mondadori 2024) e Roberta Mezzabarba “IULIA FARNESIA – Lettere da un’anima

In un tripudio di arti, le due donne attraverseranno il tempo e si ritroveranno magicamente al fianco della autrici che le hanno narrate, al cospetto del loro Lago, per incantare il pubblico.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI