Volpe gela il “Pinto”, Casertana raggiunta al 94°. Lopez: “Peccato meritavamo i tre punti”

di Claudio Petricca

Casertana (3-5-2): Crispino; Caldore, Longo (12’st Clemente); D’Angelo, Adamo, Lezzi 6(12’st Floro Flores), Santoro, Zito, Paparusso (1’st Laaribi), Starita (42’st Matese), Castaldo.
A disposizione: Zykcovic, Galluzzo, Gonzalez, Cavallini, Zivkov, Ciriello, Varesanovic, Origlia.
Allenatore: Ciro Ginestra

Viterbese (3-5-2): Vitali; De Giorgi, Atanasov, Baschirotto; Zanoli (13’st Bianchi), Palermo (31’st Culina), De Falco (13’st Besea), Bensaja, Errico; Tounkara, Volpe.
A disposizione: Maraolo, Pini, Milillo, Ricci, Antezza, Sibilia, Urso, Molinaro, Simonelli.
Allenatore: Giovanni Lopez

ARBITRO: Luca Zucchetti di Foligno
1° assistente: Antonio D’Angelo di Perugia
2° assistente: Andrea Bianchini di Perugia
MARCATORI: 23’pt Volpe, 16’st D’Angelo, 25’st Floro Flores, 49’st Volpe
NOTE: Terreno in discrete condizioni nonostante la pioggia fino a poche ore prima della partita. Spettatori 1200 circa con 40 tifosi provenienti da Viterbo. Calci d’angolo: 6-2 per la Casertana. Ammoniti: 30’pt Tounkara, 37’pt Castaldo, 43’pt Zito, 46’pt Bensaja, 19’st Bianchi, 20’st Laaribi, 33’st Crispino Recupero: 1’pt/5’st

CASERTA – La Viterbese torna bella di notte e per un’ora fa vedere le streghe (anche se Halloween è trascorso da un paio di giorni) alla Casertana. I gialloblù ritrovano le geometrie di De Falco a centrocampo (si vede eccome il suo ritorno), imbavagliano una inconcludente Casertana per oltre un’ora prima di subire un terrificante uno-due firmato da D’Angelo e Floro Flores che avrebbero tramortito chiunque ma non questa squadra. I gialloblù si ricompattano ed acciuffano il meritato pareggio in pieno recupero grazie a Volpe imbeccato da una splendida giocata di Tounkara. La fine di un incubo in una serata che i ragazzi di Lopez stavano tranquillamente controllando fino al “gol della domenica” di D’Angelo che ha trovato un terrificante missile terra-aria da trenta metri che non ha dato scampo al pur bravo Vitali. Colpo accusato con il conseguente gol di Floro Flores che sembrava aver chiuso i giochi. Con de Falco in cabina di regia supportato da Palermo e Bensaja, la Viterbese ha dettato i tempi di gioco per quasi tutta la partita, sciupando un paio di clamorose occasioni con Tounkara (non è da lui) che però si è rifatto ampiamente con il deliziosi assist per Volpe a tempo scaduto. Alcune decisioni arbitrali non chiarissime soprattutto in occasione del gol annullato alla Viterbese per un molto presunto gioco pericoloso che in pochi hanno visto. Arriva comunque un punto prezioso, sia per la classifica ma soprattutto per il morale alla vigilia di un difficile impegno di coppa Italia in programma mercoledì contro il Teramo e soprattutto della proibitiva trasferta di domenica prossima a Monopoli contro il temuto ex Jefferson. Dal “Pinto” è comunque uscita una Viterbese più matura e soprattutto ancor più consapevole dei propri mezzi riuscendo a riacciuffare una partita stregata con grande caparbietà. Giovanni Lopez nella mixed-zone è rammaricato per il successo sfuggito: “La sconfitta non ci stava proprio –afferma il tecnico ai microfoni di “Diretta Sport Viterbo” – abbiamo disputato un primo tempo superlativo, abbiamo fatto gol, ne abbiamo sbagliati un altro paio, non abbiamo subito tiri in porta dai nostri avversari. Dovevamo cercare di passare indenni la loro sfuriata iniziale nella ripresa invece abbiamo preso un gol all’incrocio ed un altro ce lo siamo fatto. Debbo dire che questa squadra non molla mai ed il risultato ci sta anche un po’ stretto perché se andiamo a guardare le occasioni create non c’è paragone. Abbiamo strameritato noi contro una Casertana dai grandi nomi. Abbiamo giocato un ottimo calcio direi e quando c’è in campo De Falco non buttiamo mai la palla, ci siamo difesi giocando, abbiamo giocatori di altissima qualità. Con l’uscita di De Falco abbiamo perso qualcosa sotto l’aspetto qualitativo però ci sta. Oltre alle occasioni c’è anche un gol regolare che non si sa perché sia stato annullato, questo è il calcio però purtroppo non ce lo hanno dato. Rimarcherei che questa squadra non ha mai mollato, l’ottima prestazione e le occasioni create che prima o poi diventeranno gol. Uscito De Falco abbiamo sofferto, loro squadra esperta, partita caotica, palloni che sparivano, il girone C è questo, andremo in campi dove succederanno queste cose e dovremo essere pronti. Non abbiamo mollato anche nelle difficoltà, abbiamo pareggiato una partita che potevamo vincere ma che abbiamo rischiato di perdere, se stiamo bene possiamo giocarcela con tutti, ci difendiamo giocando e questa è una grande cosa per noi. Palermo ha problemi che stiamo gestendo, De Falco ha chiesto il cambio e poi bisogna valutare che Bensaja sta giocando di continuo ed è arrivato senza preparazione, Besea lo stesso ed è reduce da un infortunio, dobbiamo gestire queste situazioni. Alla fine abbiamo attaccato con due punte ed un tre quartista”. Nota positiva il rientro di Andrea De Falco a centrocampo: “Speriamo di giocare i novanta minuti già dalla prossima – afferma il bravo centrocampista gialloblù – sicuramente mi sarebbe piaciuto farla tutta però va anche usata la testa dopo che stai fermo da tanto tempo, comunque sono felice di quello che ho fatto e spero di dare di più. Sensazioni buone, abbiamo fatto un buon primo tempo, contro una squadra ostica, caotica e molto esperta e quando abbiamo mollato un attimo ci hanno sovrastato. Questa è una partita che ci insegnerà molto perché abbiamo raggiunto un risultato con i denti e con il cuore e perché non credo quali squadre sarebbero riuscite a farlo in questo ambiente, un punto che vale veramente tanto per il morale e la nostra convinzione. Sul gol annullato non si è capito bene ma sul dubbio secondo me non si può rovinare una partita però come sbagliamo noi in campo sbaglia anche l’arbitro ci teniamo questo punto e ce lo godiamo. Negli ultimi minuti in panchina è stata veramente dura, c’era tanto caos la voglia di recuperare era molta è andata bene così”.
Il tour de force continua, mercoledì turno di coppa Italia al Rocchi alle 18,30 contro il Teramo, gara da dentro o fuori ma questa Viterbese ha le carte in regola per andare avanti.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI