Viterbo con Amore: consegna dei fondi a sostegno dei progetti scelti

Donatella Agostini

Il momento conclusivo e il coronamento del cammino annuale di Viterbo con Amore si è svolto nella serata del 4 luglio nei locali della parrocchia della Sacra Famiglia a Viterbo. Come ogni anno, sono state infatti consegnate le buste contenenti i fondi che l’associazione viterbese ha raccolto, da ottobre dello scorso anno, a sostegno di progetti scelti per la loro originalità e per la loro importanza nel campo del sociale. “È per noi il momento più importante, il culmine di mesi di lavoro e di preparazione per il raggiungimento degli obiettivi. Ci teniamo a consegnare pubblicamente il risultato concreto della solidarietà dell’intera Tuscia”, ha esordito Domenico Arruzzolo, presidente dell’associazione. “Viterbo con Amore è soltanto un tramite: gli obiettivi raggiunti sono la concretizzazione della generosità di tutto il territorio”. I progetti scelti quest’anno riguardavano cinque associazioni molto conosciute: Vitersport, Associazione Sindrome X Fragile, Unione Italiana Ciechi, Eta Beta, Associazione Alzheimer “E. Ciatti”. I progetti premiati hanno riguardato rispettivamente un progetto sportivo di attività natatoria per bambini disabili, un altro riguardante i cosiddetti “videocurriculum” – con i quali persone diversamente abili illustrano le loro competenze lavorative. E ancora, l’apertura di un centro polivalente per malati di Alzheimer e di un centro riabilitativo in Albania. Infine, l’acquisto di attrezzature informatiche e di specifici corsi di formazione per persone non vedenti ed ipovedenti. Di rigore i ringraziamenti verso i numerosi attori di una grande e generosa rappresentazione di solidarietà, che trova la sua grande forza proprio nella coralità e nella collaborazione quotidiana, a partire dalla Fondazione Carivit, da sempre in prima linea a sostegno dei progetti nel volontariato e nel sociale della provincia, ma anche i comuni di Viterbo e di Canepina, il Coni, la Banca di Viterbo, l’associazione sportiva Tuscania Volley, e tanti altri partners che a vario titolo hanno assicurato il loro insostituibile sostegno. “Un ringraziamento anche all’associazione Cantiere Fotografico che ogni anno realizza il book di immagini a testimonianza di giornate indimenticabili. Ricordi emozionanti, e non semplici fotografie”, ha aggiunto Domenico Arruzzolo. Numerosi gli eventi organizzati, che il presidente di Viterbo con Amore ha illustrato nel breve discorso di consuntivo annuale: la giornata di festa di Città a Colori, l’emozionante concerto Gospel natalizio, il convegno di Viterbo Scienza, le cene alle cantine canepinesi di Santa Corona, e numerosi altri. “Con la speranza di poter realizzare finalmente un nostro personale progetto-sogno: la realizzazione dell’emporio solidale, con il quale dare una piccola ma decisa risposta al problema della povertà, sempre più diffusa. Noi di Viterbo con Amore ci speriamo tanto”, ha concluso Arruzzolo. Arrivederci ad ottobre prossimo, quando verranno scelti i prossimi progetti su cui potrà riversarsi la solidarietà cittadina.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI