Viterbese al Rocchi contro il Catanzaro per tener vivo il sogno play-off

di Valentino Cesarini

Laziali per cercare di chiudere nel migliore dei modi la stagione, magari con il sogno play-off difficilissimo da raggiungere, Calabresi per cercare di arrivare seconda in campionato. Questo è il motivo per cui Viterbese-Catanzaro in programma domenica alle 17.30 al Rocchi sarà una sfida ricca di emozioni e non solo. E non scordiamoci che a Viterbo torneranno anche tre ex che a Viterbo hanno fatto molto bene: il Direttore Generale Diego Foresti, il tecnico Antonio Calabro e l’addetto stampa Cristiano Politini.

Il Catanzaro lontano dalle mura amiche ha disputato 19 gare (17 di campionato e 2 di Coppa Italia) con un bilancio di 7 vittorie, 5 sconfitte e 7 pareggi, segnando 21 reti e subendone 18.

Le sette vittorie sono arrivate contro Chievo (ai calci di rigore nel secondo turno di Coppa Italia), Avellino (3-1), Bisceglie (3-1), Foggia (2-0), Palermo (2-1), Cavese (1-0) e Juve Stabia (1-0). I sette pareggi sono giunti al termine delle sfide contro Vibonese (0-0), Casertana (0-0), Francavilla (1-1), Catania (1-1), Monopoli (1-1), Teramo (0-0) e Turris (1-1). I cinque KO, di cui l’ultimo il 3 febbraio 2021 sul campo della Paganese (1-0), sono arrivati contro Genoa (2-1 nel terzo turno di Coppa Italia), Potenza (2-1), Ternana (5-1) e Bari (1-0).

Sono cinque i precedenti giocati al Rocchi e il Catanzaro non ha mai vinto in terra laziale, visto che sono stati 4 i successi gialloblù e un pareggio.

La prima sfida risale al campionato di Serie C2 girone C 1995/1996. Il 3 dicembre, la Viterbese rimontò il goal di Di Baia, grazie a Balducci e a un rigore di Cozzella proprio all’ultimo giro di orologio.

La stagione successiva, il 22 settembre 1996, Catanzaro che passò in vantaggio con l’autorete di Perna, ma nella ripresa nel giro di tredici minuti (dal 66’ al 79’) la Viterbese segnò tre reti con Balducci, Foschi e Pazzaglia. Nel finale, Polidori rese meno amara la sconfitta per i calabresi.

La terza sfida risale al campionato di C1 2003/2004, stagione che vide la promozione del Catanzaro e la sconfitta della Viterbese nella finalissima play-off contro il Crotone. Il 28 settembre, la squadra di casa vinse per 2 a 0 grazie alle reti nella ripresa di Santoruvo e Martinetti.

La penultima sfida risale al 14 aprile 2009 e il match terminò con un pirotecnico 2 a 2. Calabresi avanti con una rete di Fischnaller, Viterbese che rimase in dieci per l’espulsione di Rinaldi. Ma è nella ripresa che successe di tutto. Maita venne espulso, ma il Catanzaro trovò il raddoppio con D’Ursi e poi fallì il 3 a 0 in almeno due circostanze. Polidori su calcio di rigore (con conseguente rosso a Signorini) riaprì il match e in pieno recupero Atanasov siglò il 2 a 2.

L’ultima sfida risale alla scorsa stagione: il 22 settembre 2019, la Viterbese vinse per 2 a 1. Reti locali firmate da Volpe e Errico, mentre il Catanzaro nonostante il goal di De Risio provò nel finale a pareggiare il match, ma Vitali fu bravissimo a dire di no agli attaccanti ospiti.

A dirigere il match sarà il Sig. Francesco Carrione della Sezione di Castellammare di Stabia, coadiuvato dal duo Roberto Fraggetta di Catania e Carmelo De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto. Quarto ufficiale Daniele De Tommaso di Rimini.

Carrione ha diretto 42 gare in Serie C, dove ha estratto 209 cartellini gialli, 11 rossi e fischiato 18 calci di rigore.

Con la Viterbese ha due precedenti, mentre con il Catanzaro soltanto uno. I gialloblù li ha diretti nel 2 a 2 casalingo contro la Vibonese nella stagione 2018/2019 e nel KO di Monopoli dello scorso campionato, mentre il Catanzaro lo ha arbitrato nella stagione scorsa nel pareggio esterno a Bisceglie.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI