Unitus, due giornate contro la violenza alle donne

Conferenze, dibattiti, proiezioni di film, l’inaugurazione di una mostra permanente e altri eventi occuperanno le due le giornate di lavori dedicati alla lotta contro la violenza alle donne. Appuntamento per i prossimi 24 e 25 novembre all’Università della Tuscia. Gli eventi si svolgeranno all’aula magna del rettorato. Tutto è stato organizzato dal team di ricerca STEP (Stereotipo e Pregiudizio) e realizzato dall’Università della Tuscia in partnership con l’Associazione Differenza Donna Ong. Responsabile scientifica del progetto Flaminia Saccà docente di sociologia dei fenomeni politici presso l’UNITUS. Si comincerà il 24 novembre alle 12,30 con un seminario di studi: ” La violenza maschile nei confronti delle donne: dal discorso pubblico alla legge, un percorso tra stereotipi e pregiudizi di genere”. Parteciperanno tra gli altri Paola Conti sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Viterbo e Ilaria Boiano di Differenza Donna. Ma il momento più significativo dell’evento sarà la premiazione, il 25 novembre alle 17, dei vincitori del contest studentesco per la realizzazione della campagna di comunicazione social #UNITUSneUSCIAMO al quale hanno partecipato studenti e studentesse dell’Università della Tuscia. Verranno attribuiti tre premi: 600 euro per il primo classificato, €250 per il secondo e €150 per il terzo classificato. I giovani dovranno realizzare un testo o un video o un messaggio multimediale pensato per essere diffuso attraverso uno o più dei principali social media: Facebook, Twitter, Instagram. A conclusione il 25 novembre alle 18.00 sarà inaugurata, nel corridoio delle monofore del rettorato, la mostra permanente STEP – Stereotipi e pregiudizi nella rappresentazione giuridica e mediale della violenza contro le donne. Agli eventi parteciperanno esperti, docenti, Elisa Ercoli, presidente Differenza Donna, Maria Spiotta, responsabile del Numero Antiviolenza 1522, la professoressa Daniela Di Ottavio, referente del Rettore per l’Equità e l’Inclusione.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI