“Tarquiniesi” atto primo del progetto dell’Associazione Juppiter

Promuovere la comunità, lo spirito di appartenenza alla città, sottolineando ciò che la tiene assieme: è un progetto ambizioso quello che l’Associazione Juppiter, in collaborazione con il Comune di Tarquinia, ha presentato a Tarquinia sabato 13 maggio. “Riscopriamo l’acqua calda, –ha affermato Salvatore Regoli, presidente dell’Associazione Juppiter, descrive i concetti alla base di Tarquiniesi – riproviamo, nel tempo delle divisioni e dell’individualismo, a cercare le cose che mettono assieme una comunità. E a Tarquinia questa ricerca dà abbondanza di risultati, perché la città ha dei testimoni forti, gioiosi e credibili”.
Dopo l’avvio di sabato, seguiranno altre iniziative, la prima delle quali, il prossimo 26 maggio, coinvolgerà circa 1.400 alunni delle scuole tarquiniesi in una simbolica e colorata “occupazione” della città.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI